Motori e pubblicità: quali sono stati gli spot più iconici di sempre?

Il mondo dei motori e quello dello spettacolo hanno molti punti di incontro. Col tempo, infatti, le case automobilistiche hanno lanciato sul mercato modelli  che  continuano ad avere enorme successo anche di seconda mano. Un esempio? Senza alcun dubbio la Mercedes Classe A usata. Ma quali sono gli spot pubblicitari che hanno fatto storia nel corso degli ultimi 30 anni? 

Alfa Romeo 159

Basti pensare, ad esempio, allo spot Alfa Romeo per la 159 del 2005. In questo spot dell’Alfa Romeo 159 datato 2005 si è preferito utilizzare una musica e delle immagini dinamiche per focalizzare l’attenzione sulla berlina del Biscione e per sottolineare ulteriormente la linea sportiva della vettura. Scenografica l’unica dicitura in tutto lo spot che compare solamente alla fine: “159. Nuova Razza Alfa.”.

BMW Serie 5

Più recente è la pubblicità della BMW Serie 5 che ha come epicentro la frase “Nessuno è perfetto”. Con questa frase si intende sottolineare che la perfezione non esiste. Nella pubblicità in questione si notano diverse ragazze molto belle ma ognuna ha un difetto. La vettura soggetto dello spot è la BMW Serie 5 che viene descritta come un’auto perfetta ma in realtà “nasconde” un’ammaccatura sulla fiancata destra vicino al fanale posteriore.

Citroen C4

E la Citroen C4? La prima cosa che aveva colpito della Citroen C4 era il suo design particolare che la faceva spiccare nel traffico. Detto fatto, ecco una pubblicità che lo sottolinea e mostra la media francese in un parcheggio diventare un Transformers capace di danzare a ritmo di musica. Pubblicità simpatica e d’effetto.

Lo Volkswagen del 1999

Un viaggio tutto emotivo per lo spot Volkswagen del 1999. In origine la traccia scelta era “Under The Milky Way” dei The Church, ma i creativi furono fulminati da “Pink Moon” di Nick Drake. Lo spot fece balzare in classifica l’album del cantante.

Nissan Toys: un lungometraggio che ha fatto storia

C’è poi lo spot per la Nissan Toys. È il 1996. Toy Story, il primo lungometraggio d’animazione completamente sviluppato in computer graphic, è in circolazione ormai da un anno e ai creativi della Nissan viene in mente di dare corpo ai due poli che, da soli, risolvono tutto l’immaginario maschile: donne e motori. Con tanto di rivalsa simbolica sul biondo bellimbusto. 

La rinascita della Chrysler

Nell’aprile del 2009 Chrysler fallisce. General Motors non se la passa bene. Detroit, capitale dell’industria automobilistica americana, inizia a spopolarsi. Born of Fire viene trasmesso due anni dopo, nel 2011, durante il Super Bowl, la finale di campionato del football americano che raccoglie più di 100 milioni di telespettatori nel mondo. Più che promuovere la nuova Chrysler, il commercial canta l’epopea di una rinascita, rilanciando l’orgoglio di una città intera che ha la sua identità nell’auto.

Honda 2003

Epico come solo gli americani sanno essere. Ed infine è indimenticabile lo spot Honda del 2003. La sequenza si apre con l’immagine di una rondella dentata che, rotolando lungo un piano inclinato, innesca una sorprendente macchina di Rube Goldberg, un sofisticato meccanismo progettato in maniera deliberatamente complessa per eseguire un’operazione semplice.