-22,8% per il fatturato a settembre del mezzo radio

Gli investimenti pubblicitari radiofonici del mese di settembre, rilevati nell’ambito dell’Osservatorio Fcp Assoradio coordinato dalla società Reply, hanno registrato un -22,8%, con un progressivo dei primi nove mesi dell’anno pari al -30,1%.

Dopo un difficile trimestre marzo-maggio, profondamente influenzato dalla fase di Lockdown, già dal mese di giugno avevamo registrato- dichiara Fausto Amorese – una significativa inversione di tendenza, che si era ulteriormente consolidata a luglio per raggiungere ad agosto una dimensione di raccolta pubblicitaria quasi allineata a quella dello scorso anno.  

Nel mese di settembre registriamo purtroppo una nuova inversione degli andamenti, che esprime la grande volatilità che caratterizza gli investimenti pubblicitari in un contesto di mercato che permane estremamente competitivo ed incerto e nel quale prevale una scarsa propensione agli investimenti in ottica di medio-lungo periodo.   Da evidenziare tuttavia che nella seconda parte di settembre si è verificato un progressivo miglioramento degli andamenti che si è protratto positivamente durante il mese di ottobre.

Pur nel difficile contesto di settembre, le analisi merceologiche evidenziano nel mese il buon andamento in secondi di settori quali Abitazione, TLC, Alimentari.