Milano respira con “Cittadini per l’aria”

Cittadini per l’Aria, l’associazione nata nel 2015 per difendere il diritto di respirare aria pulita nelle città italiane ed europee e informare sui danni che l’inquinamento provoca alla salute, ha affidato la sua campagna 2020-2021 a Tita.

L’obiettivo è sensibilizzare cittadini e istituzioni per promuovere una maggiore consapevolezza dei danni dell’inquinamento e l’urgenza di cambiamenti politici e amministrativi, che orientino la vita verso modelli compatibili.

La prima uscita a Milano si incentra su un dato clamoroso, per quanto ufficiale: la città conta seicento morti l’anno per inquinamento, considerando il solo inquinante NO2, che è prodotto per il 70% da motori diesel.

Il claim di lancio perciò afferma con chiarezza il concetto di partenza: MILANO, NON È ARIA.

Il visual vede un bambino protestare facendo pollice verso, mentre la baseline precisa il concetto: 600 morti l’anno per inquinamento. Quello che respiriamo è veleno. Difenditi su cittadiniperlaria.org

Sul sito dell’associazione si può firmare un appello rivolto alle istituzioni, inviando al Sindaco di Milano Giuseppe Sala e al presidente della Regione Attilio Fontana delle proposte concrete e immediate per migliorare la qualità dell’aria.

Alla campagna di affissioni – ospitata da VG Pubblicità e pianificata su streetbox e nella metropolitana – si affiancherà anche una campagna radio il cui protagonista è Giovanni Storti, del celebre trio Aldo Giovanni e Giacomo.

In ognuno dei radiocomunicati il comico metterà in scena dei surreali dialoghi tra lui e le sue parti del corpo – polmoni, cuore, cervello – che protestano, costretti come sono a subire ogni giorno i danni dell’inquinamento urbano. 

Head of art: Rita Mele. Direttore Creativo: Giuseppe Mazza