Il nuovo numero di Vogue dedicato all’ottimismo e alla felicità

696

Un numero interamente dedicato all’ottimismo e alla felicità: questa la scelta di Vogue Italia per l’uscita del fascicolo di luglio/agosto in programma giovedì 23 luglio.

«Proprio in un anno che non è felice per niente e quasi per nessuno, ci sono molte ottime ragioni per parlare di felicità» scrive nel suo editoriale Emanuele Farneti, direttore di Vogue Italia. Che si chiede: «È ancora possibile, dopo quello che abbiamo vissuto? Esistono dei tratti che la rendono comune e condivisa? Come cambia, al cambiare di latitudine? La sua dimensione sociale passa attraverso il riscatto, in certi casi con qualsiasi mezzo? C’è qualcosa di sbagliato o di cui sentirsi in colpa nel ricercarla anche nei piccoli piaceri quotidiani? E nelle cose che abbiamo, o in quelle che avremmo voglia di avere?».

Dopo una serie di iniziative speciali di grande successo (il numero illustrato a gennaio, la copertina bianca ad aprile, le cover disegnate dai bambini a giugno) Vogue Italia torna dunque a celebrare la bellezza della moda, dando un forte segnale di sostegno e vicinanza all’industria nel momento cruciale della stagione, in cui gli esiti delle campagne vendita indicheranno quanto lunga è la via del recupero per i prossimi mesi.

Nel numero, che segna il ritorno a produzioni di servizi di moda senza le restrizioni imposte dal lockdown, spicca l’esclusiva intervista al direttore creativo di Louis Vuitton Nicolas Ghesquière, in conversazione con lo scenografo premio Oscar Milena Canonero: la sfilata del brand francese, di cui Canonero firmava l’imponente scenografia, è stata lo scorso marzo l’ultima ad andare in scena prima del lockdown: un momento simbolico da cui l’intero settore riparte oggi. Una sezione del giornale è poi dedicata al racconto della felicità affidato a nove grandi scrittori internazionali tra cui il premio Pulitzer Andrew Sean Greer, Nathan Englander, David Leavitt e Hanif Kureishi.

Sul suo profilo Instagram, Vogue Italia ha chiamato a raccolta la sua community internazionale con una call to action dedicata alla felicità: è stato infatti chiesto di postare una foto con l’hashtag #whatmakesmehappy, e il reparto immagine di Vogue Italia selezionerà e promuoverà le interpretazioni più significative e originali del tema.

Con l’obiettivo di supportare, ispirare e guidare la conversazione allo shopping, in concomitanza con l’uscita del numero, inoltre, Vogue Italia ha lanciato la piattaforma Vogue Loves: si tratta di una serie di dirette sul profilo Instagram della testata in cui la redazione moda di Vogue Italia insieme ai rappresentanti dei brand presenta al pubblico le più interessanti novità di prodotto della stagione. Un esempio di “conversational shopping”, in cui l’autorevolezza dei giornalisti di Vogue permette ai brand di raccontarsi ad un’ampia platea internazionale di amanti della moda. Tra i primi ad aderire al progetto, Sergio Rossi.

Continuano le straordinarie performance digitali del brand: i profili social di Vogue Italia contano 8.1 MIO di fan follower total segnando un + 18% YOY. In particolare il profilo Instagram ufficiale sta per varcare la soglia dei 4 milioni di follower. Il sito di Vogue nella prima metà del 2020 è stato visitato mediamente da 3 milioni di utenti ogni mese, con una crescita del 48% rispetto all’anno precedente. Inoltre il mese di giugno vede uno straordinario risultato per Vogue, che realizza il secondo miglior mese di sempre con 3,4 milioni di utenti unici (+70% YoY e +21% MoM) per 33 milioni di pagine viste (+78% YoY e +15% MoM).