Marie Claire un numero dedicato alla bellezza per ripartire con ottimismo

1390

Marie Claire si conferma tra i mensili femminili più amati dalle italiane anche durante il lockdown, nei tre mesi di picco della pandemia, da metà febbraio a metà aprile, la testata segna un +9% di vendite in edicola e un andamento positivo in tutte le modalità di rapporto con l’utenza. Merito di una linea editoriale sempre vicina e attenta alle esigenze del suo pubblico, di contenuti capaci di consigliare stili di vita positivi e di una forte integrazione con la parte digitale del brand.  Lettrici e utenti sono coinvolti costantemente nelle numerose attività di Marie Claire attraverso efficaci call to action e interagiscono con il “loro” Marie Claire su qualsiasi piattaforma.

Si inserisce in questa visione il numero in edicola: ancora una volta la testata si dimostra attenta alle necessità più profonde delle proprie lettrici. Si parla di matriottismo: un neologismo che racchiude l’idea di una comunità fondata sulle qualità femminili di solidarietà, una visione del futuro più equa e inclusiva; di occupazione femminile e indipendenza economica con un’inchiesta approfondita sul rapporto che le donne hanno con il denaro; di business etici e i nuovi marchi creati da ragazze italiane; di moda e di estate “del desiderio”.

E naturalmente si parla di bellezza, perchè riappropriarsi della propria vita passa anche attraverso il desiderio di “sentirsi belli”. Un aspetto del benessere che Marie Claire ha sviluppato costantemente nel corso della sua lunga storia e che sembra più che mai una necessità in questa fase new normal. Allegato al numero, MarieClaire2, interamente dedicato alla bellezza, celebrata attraverso il Prix d’excellence de la beauté e i suoi vincitori.

Una vicinanza con le lettrici raccontata anche nell’editoriale del direttore Antonella Bussi: FATTI BELLA! è stato l’invito di Mariagiovanna, una nostra cara lettrice, che nel pieno della pandemia mi ha scritto una bella mail. Diceva che questo era il suo mantra. Lo ripeteva a se stessa ogni mattina perché «può guarire, può distrarre, può farti sentire viva». E io l’ho ascoltata. Mi ha anche rincuorata. Ha dato un senso al nostro lavoro“. 

LA RACCOLTA ADV. Una linea editoriale capace di andare incontro alla sensibilità e alle necessità delle lettrici rappresenta uno stimolo anche per i partner: i due volumi in edicola hanno visto infatti un’ ottima raccolta pubblicitaria soprattutto dal settore beauty che ha permesso di realizzare 91 pagine di inserito adv su una foliazione totale di 328 pagine, un successo che indica come la testata sia vista come il partner ideale per condividere un messaggio di ottimismo proprio di molti brand di questo comparto.

www.marieclaire.com/it A maggio i risultati del sito mostrano una crescita del 32,9% delle visite e del 19,7 degli utenti unici rispetto al mese precedente. Se si guarda invece maggio del 2019 il risultato è ancora più di rilievo: +57% di visitatori e +41,4 di utenti (Fonte Google Analytics). Numeri lusinghieri, che sottolineano la crescita di rilevanza della testata sul digitale, anche grazie alle attività social e agli appuntamenti live su Instagram come #mcfamily. Sempre sul sito, Marie Claire soddisfa un’altra eterna passione degli italiani, ulteriormente accentuata in questi mesi: quella del cibo. IlGiro d’Italia, collection di interviste e chef che nobilitano il territorio, diventa ancora più di ricerca e viaggio. Per questa estate italiana MarieClaire sta infatti realizzando una nuova geolocalizzazione del gusto tra racconti di territori da visitare e chicche culinarie da raggiungere. Ogni settimana un nuovo paesaggio da scoprire per viaggi enogastronomici immersi nella natura, in paesaggi antichi e classici dimenticati. Dalla piadina di un’estate ritratta da Luigi Ghirri alla divinità del tartufo di Pizzo Calabro, dal pasticciotto a numero chiuso di Ascalone a Galatina al risotto al pesce persico (stellato e da osteria) di Laveno Mombello. La grande tavola italiana è apparecchiata: previa ricerca sul territorio di percorsi di viaggio e non solo culinari. Dove nascono i sapori più ambiti, quelli che meritano un viaggio per essere testati nel loro habitat, chi li cucina come piccoli gioielli da preservare, aziende che si rimettono in piedi e giovani imprenditrici su cui puntare, menu come cartoline da spedire. Scoperte che saranno poi celebrate nella seconda edizione di Marie Claire Bistrot, in programma per il prossimo dicembre.

CAMPAGNA ADV. L’uscita del nuovo numero di Marie Claire è supportata da una campagna adv radiofonica on air su Radio Italia, Radio 101, RMC, Radio 105.