Alessandro Giglio presidente del Teatro Nazionale di Genova

387

L’Assemblea dei Soci del Teatro Nazionale di Genova ha eletto all’unanimità il nuovo Presidente del Teatro: Alessandro Giglio.

Alessandro Giglio (classe ‘65) è laureato in Scienze dello spettacolo e produzioni multimediali all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”. Fondatore, maggiore azionista e Amministratore delegato di Giglio Group spa, società quotata nel segmento principale di Borsa Italiana, leader in Italia nella progettazione, realizzazione e gestione di piattaforme di e-commerce ad alto valore per le eccellenze del made in Italy nel mondo, con sede a Milano e filiali a New York, Shanghai, Hong Kong, Roma, Lugano e Genova.

Alessandro Giglio

Prima di fondare Giglio Group, Alessandro Giglio ha dedicato molti anni della sua vita alla progettazione e realizzazione di grandi eventi e spettacoli teatrali e televisivi.
Per la televisione ha prodotto programmi quali Carramba che Sorpresa (Rai 1), Segreti e Bugie (Rai 1), Navigator (Rai 1, e vincitore al Mip di Cannes nel 2000 come “Programma europeo più innovativo dell’anno”), per il teatro ha realizzato spettacoli con i più grandi registi ed interpreti del panorama internazionale quali Giuseppe Patroni Griffi, Mario Ferrero, Krzysztof Zanussi, Katia Ricciarelli, Josè Carreras, Giuseppe Di Stefano, Raffaella Carrà, Raf Vallone, Shirley Verret, Severino Gazzelloni, Ben Gazzarra, Mogol, John Savage, Annie Girardot, Giulio Scarpati, Ambra Angiolini, Amanda Sandrelli, Margaret Mazzantini, Franca Valeri, Valeria Marini, Lina Sastri, Fabrizio Frizzi, Enrica Bonaccorti, Simona Marchini, Gianfranco D’Angelo, Ottavia Piccolo, Pino Caruso, Giorgio Faletti, Nino Frassica e tanti altri.

Il neo presidente Alessandro Giglio dichiara: «Sono emozionato di essere uscito 37 anni fa come allievo del Teatro Stabile di Genova e di essere rientrato 36 anni dopo come consigliere ed oggi come Presidente, ho vissuto il Teatro attraversando tutte le professioni legate ad esso fino a diventare produttore di spettacoli che mi hanno dato l’onore di lavorare al fianco dei più importati registi e attori del panorama internazionale. Nonostante la mia carriera mi abbia momentaneamente allontanato da questa professione, sono estremamente felice di rientrare nel meraviglioso mondo della prosa in uno dei Teatri più importanti al mondo. Devo ringraziare il Presidente Gian Enzo Duci ed il Direttore Angelo Pastore per il lavoro svolto in questi ultimi anni, che hanno reso il teatro ancora più grande ed importante. Spero di essere all’altezza di chi mi ha preceduto e di portare avanti il testimone, affiancato da Davide Livermore, verso ulteriori e sempre più importanti traguardi».