Accordo ADCI Art Directors Club Italiano e Clio Awards

1201

‘Insieme, per amplificare la presenza dei creativi e delle agenzie italiane su scala globale’: inizia così il memorandum firmato da ADCI Art Directors Club Italiano e Clio Awards l’importante riconoscimento  internazionale che premia l’eccellenza nella creatività, nella pubblicità e nella comunicazione.

Questo importante accordo – commenta il Presidente dell’ADCI Vicky Gitto – completa il panel di alleanze internazionali del Club, strategico al fine di rafforzare ed implementare la credibilità dei talenti e della creatività italiana nonché le opportunità di sviluppo l’intera industry e i suoi protagonisti”.

I creativi italiani, che solo nel 2019 hanno portato a casa ben nove Clio Awards – spiega Nicole Purcell, Presidente dei Clio Awardssono fondamentali per contribuire agli obiettivi di Clio di mettere in evidenza il migliori lavori da ogni angolo del mondo e questa collaborazione con ADCI ci aiuterà a garantire la partecipazione dei migliori creativi italiani, sia nelle nostre giurie che sui nostri palchi per ritirare i premi”.

Nello specifico creativi ed agenzie ADCI potranno promuovere e ottenere visibilità internazionale per i propri lavori attraverso il portale Muse by Clio (http://musebycl.io) la piattaforma di contenuti editoriali, che mette in luce il meglio della creatività pubblicitaria mondiale. Ma non solo: altre iniziative ed attività da svilupparsi in comune sia internazionalmente che in Italia, si configureranno nei prossimi mesi.

Inoltre – spiega Vicky Gitto – come ADCI avremo la possibilità, così come già accade già per i Cannes Lions, di designare nostri giurati per i Clio Awards, le cui giurie sono notoriamente  molto qualificate e qualificanti. Ritengo perciò questo accordo, fortemente voluto e raggiunto con l’impegno di questo Consiglio, un rilevante passo per l’accreditamento di ADCI a livello internazionale e nello specifico sull’importante mercato americano che ritengo potrà tradursi in  opportunità per tutti i player della nostra industry”.