Angelo Colciago De Robertis lascia Radio 105 al suo posto, Barbara Rosseti

668

RadioMediaset (Radio 105, Virgin Radio, R101, Radio Monte Carlo, Radio Subasio), cui fanno capo le attività radiofoniche del Gruppo Mediaset, comunica un importante cambiamento al vertice della rete ammiraglia Radio 105.

Dopo 38 anni all’interno di Radio 105 dove ha ricoperto prima il ruolo di dj, poi quello di head of music e dal 2003 quello di direttore, Angelo Colciago De Robertis lascia per dedicarsi a un nuovo progetto imprenditoriale che lo coinvolgerà in prima persona e dove avrà la possibilità di mettere a frutto la propria pluridecennale esperienza nel mondo della musica.

Barbara Rosseti

“Ho cominciato a lavorare in radio molto giovane, ho vissuto il momento della nascita e dell’affermazione delle radio libere, la stagione dei primati di Radio 105 a cui ho contribuito nel ruolo di direttore. Sono sempre rimasto legato a questo Gruppo dove ho lavorato con grande energia e passione. Credo però sia giunto il momento di guardare al di fuori, di cercare nuovi stimoli; dopo profonda riflessione ho deciso di investire le mie energie e il mio know how in un progetto imprenditoriale nuovo, che ho condiviso fin da subito con l’Azienda, strettamente legato agli interessi che hanno caratterizzato la mia carriera. Sono felice che RadioMediaset abbia accolto questa mia personale esigenza e mi abbia garantito tutto il suo sostegno”.

“Da parte mia non posso che ringraziare Angelo per il lavoro fatto insieme – afferma Paolo Salvaderi, AD di RadioMediaset – lo ho conosciuto personalmente nel 2006 quando sono stato chiamato dall’allora Gruppo Finelco per il progetto legato a RMC2 e alla nascita di Virgin Radio. Da allora non ci siamo più persi di vista. Lo stimo sia come persona che come professionista e gli faccio un grande in bocca al lupo per il suo nuovo progetto che seguirò con attenzione”.

A partire dal 16 settembre il nuovo direttore di Radio 105 sarà Barbara Rosseti, già vicedirettore di Radio Monte Carlo. Rosseti riporterà direttamente all’AD Paolo Salvaderi.