Vizi Pubblicitari – Se si eccede al contrario…..

788

di Federico Unnia

Fa molto discutere, d’ambo le parti (ovvero chi ritiene l’annuncio corretto e chi invece plaude al suo blocco), la decisione assunta dall’Advertising standards authority inglese  che ha ritenuto ingannevole l’annuncio diffuso da PeTa, movimento per la protezione animale, nel quale si equipara il taglio della lana, ritenendolo tanto crudele come quello della pelliccia. Un accostamento azzardato, a detta dell’Asa, perché non vero e quindi da doversi bloccare.

Secondo l’organismo di autocontrollo della pubblicità inglese, infatti, The Advertising Standards Authority ruled that the ad by the animal rights group PeTA claiming “wool is just as cruel as fur” was misleading and that sheep “were not killed for their wool as animals were in the fur industry”.il messaggio che recitava “la lana è crudele come la pelliccia” deve ritenersi fuorviante e che le pecore “non sono state uccise per la lana come gli animali nell’industria della pelliccia”. 

The authority also pointed to Government guidance to farmers that sheep should be shorn regularly.L’autorità – a supporto della sua decisione – ha anche fatto cenno al disciplinare vigente in Uk nel settore secondo che detta regole e modalità per una tosatura sostenibile per gli animali cui le pecore dovrebbero essere tosate regolarmente. 

La segnalazione contro il messaggio era stata fatta da una decina di consumatori e cittadini, a detta dei quali il messaggio doveva ritenersi scorretto laddove affermava The ban came after 10 people complained about the ad, which was displayed on buses around Glasgow in February and read ‘Don’t let them pull the wool over your eyes. “Non lasciare che ti passino la lana sugli occhi. Wool is just as cruel as fur. La lana è crudele come la pelliccia. Go wool-free this winter’. Vai senza lana questo inverno”. 

In its response to the ASA, PeTA argued that shearing sheep was cruel as the animals were “not commodities” but “sentient, intelligent, living beings with rich social lives.”Nella sua difesa l’associazione aveva sostenuto che la tosatura delle pecore deve ritenersi un atto crudele in quanto gli animali potrebbero vivere benissimo senza che ciò avvenga.

However, the ASA said guidelines from the Department for Environment, Food and Rural Affairs that mature sheep should be shorn at least once a year by “experienced and competent shearers” who take care not to cut the animals’ skin.Secondo l’ASA – per contro –  le linee guida del Dipartimento per l’ambiente, l’alimentazione e gli affari rurali indicano che le pecore mature dovrebbero essere tosate almeno una volta all’anno da “tosatori esperti e competenti” che si occupano di non tagliare la pelle degli animali.