Carlo Bardone alle Relazioni Istituzionali & Business Development di NTT DATA

303

NTT DATA, colosso giapponese del settore dell’Information Technology, ha annunciato oggi la nomina di Carlo Bardone a Chief Institutional Relations & Business Development Officer prendendo così la guida della Direzione Relazioni Istituzionali dell’azienda in Italia a diretto riporto dell’Amministratore Delegato Walter Ruffinoni. 

Bardone, laureato in Ingegneria Gestionale nel 1995 al Politecnico di Milano, ha conseguito la tesi e la specializzazione ad Harvard University. Ha iniziato la sua carriera all’interno di due grandi gruppi internazionali: prima in Eni e poi in ABB. Entrato poi nel gruppo Value Partners, è passato in NTT DATA dopo l’acquisizione da parte di quest’ultima di Value Team.  Il manager vanta una notevole esperienza all’interno del Gruppo, avendo ricoperto negli anni ruoli di crescente responsabilità. È stato, infatti, responsabile del Mercato “Utilities, Nuclear, Industrials & Refineries” fino alla nomina di Vice President Energy & Utilities.

In qualità di Chief Institutional Relations & Business Development Officer, Bardone garantirà il consolidamento e lo sviluppo dei rapporti strategici con Enti, Associazioni, Istituzioni e i vertici delle Corporation in Italia, funzione arricchita dalla responsabilità di sviluppo del business.  La nomina di Bardone si inserisce infatti in un piano di consolidamento del Gruppo sul territorio italiano, confermato dalle 1.000 assunzioni in programma entro la fine del 2019 sul territorio nazionale.

“La nomina di Carlo Bardone a capo della Direzione Relazioni Istituzionali & Business Development è strategica per integrare la nostra offerta e sostenere lo sviluppo di NTT DATA in Italia”, ha commentato l’Amministratore Delegato Walter Ruffinoni. “Attraverso il dialogo con le istituzioni, le Corporation e gli enti governativi, infatti, Carlo lavorerà per rafforzare il ruolo di NTT DATA come interlocutore esperto e autorevole sui temi della sicurezza informatica e della digitalizzazione del Paese. L’Italia rappresenta per il Gruppo un mercato con enormi potenzialità di crescita che Carlo contribuirà a intercettare e rendere concrete”.