L’Inter sceglie il campione dell’Esport Stermy come testimonial

68

Alessandro Avallone, in arte Stermy, sarà uno dei protagonisti della campagna di brand dell’Inter «Not For Everyone». Lo slogan, letteralmente «Non è da tutti», non potrebbe essere più azzeccato: Stermy è infatti il volto italiano dell’Esport e nella sua lunga carriera da pro-player si è distinto come uno dei videogiocatori più vincenti del panorama internazionale. Classe ’87, nato a Finale Ligure, Alessandro Avallone è riuscito in quindici anni a imporsi come uno dei più forti giocatori di tutti i tempi nella categoria degli FPS – sparatutto in prima persona – potendo vantare un palmarès da oltre 30 trofei internazionali, ottenuti giocando a livello professionale a 11 titoli videoludici diversi. Stermy è stato inoltre uno dei più giovani giocatori ad aver mai partecipato ai World Cyber Games, a soli 15 anni, ottenendo poi piazzamenti in vetta alle classifiche di prestigiosi eventi internazionali come l’Electronic Sports World Cup, il Cyber Athlete Professional League World Tour e le World Series of Videogames.

È stato scelto dall’Inter in collaborazione con Web Stars Channel, la prima digital company italiana che nel proprio roster può contare su altri famosi player come Thomas «Hal» Avallone – fratello di Stermy – e Giorgio «Pow3r» Calandrelli, il più noto giocatore italiano di Fortnite. Pioniere dell’Esport italiano, Stermy resta tutt’ora un punto di riferimento per il settore. Oltre a essere uno dei testimonial della campagna «Not For Everyone», volerà in Cina per partecipare ad un evento a Nanchino, una delle tappe del Summer Tour nerazzurro.

L’Inter si rivolge a target trasversali e vuole avvicinare il proprio Brand al mondo dei Millenials: scegliendo Stermy come uno dei testimonial, i Nerazzurri certificano il sempre maggior rilievo che l’Esport sta ottenendo in Italia, con il settore dei videogiochi competitivi che finalmente sta uscendo dalla nicchia diventando un fenomeno sempre più popolare.