Alan Prada arriva in Hearst

85

Alan Prada arriva in Hearst, un viaggio che è un ritorno ai suoi primi passi nell’editoria, cominciati nel 2005 a Elle Italia e sviluppatasi poi presso Condé Nast.

Decine di iniziative nel campo del fashion e dell’arte portano la sua firma.  Per Alan Prada in Hearst è previsto un doppio incarico: Editor-in-Chief del progetto di Harper’s Bazaar Italia e Creative Director di Esquire Italia, bimestrale diretto da Timothy Small.

Il lancio di Harper’s Bazaar avverrà con un percorso digital first, come già nel 2017 per Esquire: partenza digitale e, una volta consolidata la presenza online e sui social media, versione print entro il secondo semestre 2020.

Alan Prada, dopo la laurea e il Master in Storia dell’Arte all’Università di Ginevra, con una parentesi a Firenze, inizia il suo percorso giornalistico in Elle Italia nel 2005. Nel 2007 Franca Sozzani lo chiama in Condé Nast per entrare a far parte della squadra de L’Uomo Vogue come Fashion Features Editor: la sua esperienza si sviluppa non solo su progetti puramente editoriali, ma anche sul branding strategico, comunicazione, branded content e sviluppo di nuove idee e contenuti di engage per clienti e key audience. Nel 2014 diventa Deputy Editor-in-Chief a L’Uomo Vogue e dal 2017 assume anche l’incarico di Deputy Editor-in-Chief a Vogue Italia.