Constanza Oliveros nuovo Direttore Medico di AstraZeneca Italia

109

Constanza Oliveros assume la guida della Direzione Medica di AstraZeneca Italia, filiale locale dell’azienda biofarmaceutica globale impegnata nella ricerca, nello sviluppo e nella commercializzazione di farmaci etici nell’area oncologica, cardiovascolare, metabolica, renale e respiratoria.

Dopo la laurea in Medicina e Chirurgia e la specializzazione in Nutrizione clinica conseguite in Venezuela, Constanza Oliveros si è trasferita in Italia dove ha frequentato il dottorato in Biochimica Medica presso l’Università degli Studi di Bari. È quindi entrata subito nel mondo del lavoro, ricoprendo diversi ruoli all’interno di multinazionali farmaceutiche.

Approda in AstraZeneca nel 2010 con il ruolo di Senior Medical Advisor Oncology e contribuisce all’affermazione della leadership scientifica dell’azienda in ambito oncologico, specialmente nelle aree dei tumori femminili, delle neoplasie del polmone, dell’immuno-oncologia ed ematologia. Dal 2014 Oncology Medical Affairs Head e, insieme al suo team, contribuisce a diversi lanci di successo come quelli di olaparib per il trattamento del tumore ovarico BRCA mutato, e osimertinib per il trattamento di pazienti affetti da carcinoma polmonare non a piccole cellule EGFR mutato.

La sua formazione e l’ampia esperienza internazionale in diversi ambiti terapeutici, l’hanno resa una professionista riconosciuta e apprezzata a livello europeo e le hanno consentito di raggiungere la guida di una delle aree più strategiche per AstraZeneca Italia.

Sono orgogliosa e onorata di poter ricoprire questo incarico in AstraZeneca, un’azienda che, grazie al suo impegno e alla sua vocazione per l’innovazione, ha sviluppato farmaci in grado di fare la differenza per la salute di milioni di persone nel mondo” – commenta Constanza Oliveros, nuovo Vice President Medical di AstraZeneca Italia. “Continueremo a investire nei prossimi anni in Ricerca e Sviluppo per trovare terapie sempre più avanzate, che sappiano rispondere in modo sempre più mirato e preciso alle necessità dei pazienti, focalizzandoci anche sull’impegno a 360 gradi per pazienti, caregiver e clinici”.