Cristina Mollis amministratore delegato di Coin

80

Il Consiglio di Amministrazione di Coin SpA ha nominato Cristina Mollis Consigliere e Amministratore Delegato della società.

“Sono convinta che sia arrivato il momento per una nuova imprenditoria, mossa dall’innovazione e dalla sostenibilità – afferma Cristina Mollis, AD di Coin -. Il retail è uno snodo cruciale tra il mondo produttivo e i clienti finali e in Coin vogliamo raggiungere risultati ambiziosi, basando il business proprio su quei valori di progresso sui quali le imprese devono misurarsi: la sostenibilità, l’allineamento degli obiettivi di impresa all’interesse economico e sociale e le persone al centro.”

“Coin continuerà a intercettare i brand più interessanti e sempre più diventerà il luogo dove scoprire le ultime novità tecnologiche o legate al lifestyle – prosegue Cristina Mollis -. Inoltre, Coin affiancherà alla ricercata proposta commerciale un ricco palinsesto di eventi per trasformarsi in uno spazio aperto alla città. Per noi la sinergia tra negozio fisico e digitale è una sfida fondamentale. Ringrazio il Presidente, i Membri del Consiglio di Amministrazione e i Soci per la fiducia. Coin è una realtà straordinaria e sono orgogliosa di entrare a farne parte.”

Mollis, classe 1974, è nata e vive a Bergamo con i suoi due figli, il compagno e il cane, un pastore tedesco. Dopo la laurea in Economia alla LIUC e il Master in Piccole Imprese alla Bocconi, Cristina Mollis inizia la sua carriera come consulente per Valdani e Vicari, diventa parte del primo team digitale di Value Partners e ottiene ben presto l’incarico di vicepresidente di Value Team – Business Unit Digital Transformation. Alla guida della divisione per 7 anni, si occupa di analisi e valutazione di business, definizione di strategie digitali e di e-commerce con l’obiettivo di ridisegnare nuovi modelli di business per diversi settori tra cui fashion, retail e telecomunicazioni.

Imprenditrice visionaria, nel 2008 fonda NuvÒ, una società di consulenza nuova che vede il digitale come la leva per un ripensamento a 360 gradi del business delle aziende. In pochi anni NuvÒ, anche grazie all’impegno di circa 100 persone, diventa tra le più interessanti realtà nel panorama italiano dell’innovazione. Nel 2015 Cristina Mollis porta NuvÒ nel gruppo H-FARM, per costruire la Business Unit dedicata ai servizi di trasformazione delle aziende. Dopo aver quadruplicato il giro di affari dell’unità, esce da H-FARM nel giugno 2018.