Vendesi Esino Lario: una campagna di sensibilizzazione e provocatoria per EOLO

78

Una campagna provocatoria quella ideata da DUDE , divenuta di risonanza internazionale, con l’obiettivo di lanciare il progetto “Missione Comune” per il brand Eolo .

La prima fase della campagna non vedeva comparire il brand, era bensì incentrata sul video provocatorio di Pietro Pensa , sindaco del paesino di Esino Lario , che riportando l’attenzione sul tema dello spopolamento e della difficoltà dei piccoli comuni di autosostenersi, dichiarava di mettere in vendita il patrimonio artistico del Paese.

Vendesi Esino(1)

I diversi “luoghi” del paese, dalla fontana al parco giochi, dai lampioni al municipio, erano infatti disponibili sul sito vendesiesino.it (realizzato dal Tcommunication) come fossero item di un classico e-commerce.

Il video è stato supportato da una campagna stampa istituzionale firmata dal sindaco di Esino e da una campagna pr e digital pr realizzata con Community e pianificata da Carat. In questa fase sono stati coinvolti anche talent social e il critico d’arte Vittorio Sgarbi .

La notizia è stata ripresa sulla totalità delle testate nazionali e su diverse testate internazionali, i principali telegiornali e trasmissioni televisive nazionali hanno coperto la notizia. Esino Lario è stato trending topic su twitter e ha raggiunto in una settimana una reach online di 24 Milioni , impatto mediatico notevole per un paese di meno di 1.000 abitanti.

L’11 Aprile con una conferenza stampa, Eolo ha svelato l’obiettivo di comunicazione: la campagna infatti fa parte di un progetto più ampio, chiamato “EOLO missione comune” , progetto di beneficenza e digitalizzazione che mira a contrastare il fenomeno dello spopolamento dei piccoli comuni.

“Questo è stato forse uno dei nostri progetti più ambiziosi. Nel quale abbiamo creduto tantissimo, insieme al cliente, fin dall’inizio” commenta Lorenzo Picchiotti, Chief Creative Officer di DUDE “Ed è stato bello vedere come pubblico e media hanno accolto la campagna, aprendo un sano dibattito sulla situazione dei piccoli comuni, che è arrivato a coinvolgere anche le istituzioni. Quello era il vero obiettivo visto che, per una volta, la provocazione era a fin di bene.”

Credits DUDE

Chief Creative Officer: Livio Basoli & Lorenzo Picchiotti Account Director: Elena Panza
Integrated Production Director: Matteo Pecorari Copywriter: Andrea Galanti

Art Director: Nicolò Andrea Ales
Account Executive: Giorgia Marchelli Digital Executive: Mirko Mantellato Producer: Andrea Italia
Event Manager: Cristina Fichera
Event Manager Assistant: Martina Augelli Post production Supervisor: Seba Morando Motion Designer: Marco De Benedictis Film Editor: Giulia Cosma