Un reale e sincero ricordo di Cesare Cadeo da parte di Gigi Moncalvo

111

di Gigi Moncalvo

E’ morto a Milano Cesare Cadeo, un grande personaggio televisivo, un vero signore nella vita e in TV, un uomo d’altri tempi nella giungla del mondo televisivo, in particolare di Cologno Monzese e di Mediaset dove non è stato valorizzato come e quanto avrebbe meritato.

Aveva 73 anni e da tempo era sofferente – lascia la moglie e tre figli – era stato uno dei “pionieri” e uno dei volti più popolari delle tv del biscione e aveva tenuto a battesimo Canale 5 e le altre reti berlusconiane.

Nemmeno Silvio Berlusconi, Fedele Confalonieri e Adriano Galliani lo hanno aiutato come avrebbero potuto e dovuto, dato che si fingevano suoi amici e nonostante avessero avuto tanto grazie al suo garbo, alla sua capacità di pubbliche relazioni, alla sua propensione a far prevalere sempre la generosità, la correttezza e la lealtà su ogni altra cosa.

Ma egli non era turbato da questo: amareggiato sì per tanta ingratitudine, ma consapevole che nel mondo della TV non c’è da aspettarsi nulla da nessuno, nonostante i propri meriti, la propria capacità, la propria bravura – grande tifoso milanista era il fondatore di un gruppo di elite: “nobiltà rossonera”.

Un addio sincero e un grande dolore da parte di tutti coloro che gli hanno voluto bene fino all’ultimo e che non lo dimenticheranno mai, specie il suo pubblico che sempre gli ha dimostrato affetto, stima, cordialità, riconoscendogli la sua signorilità, il suo garbo, i suoi meriti.