In Italia più della metà della popolazione è attiva sui social media

13

Nell’ultimo anno l’uso delle piattaforme ha fatto registrare un ulteriore incremento: sono 35 milioni gli Italiani che utilizzano i canali social come punto di riferimento per informazione, intrattenimento e conversazione.

We Are Social, la socially-led creative agency e Hootsuite, la più popolare piattaforma di social media management, lanciano oggi Digital 2019, l’annuale report che analizza lo scenario social e digital a livello globale e locale, prendendo in esame 230 distinti paesi. Per quanto riguarda l’Italia, la ricerca – alla sua ottava edizione –  rivela che nel 2018 sono stati 11 milioni i nuovi utenti online, per un totale di 54.8 milioni di persone che accedono a Internet, quasi la totalità della popolazione.

Schermata 01-2458515 alle 16.04.29

Uno sguardo alle principali evidenze italiane:

Internet

  • gli utenti Internet sono quasi 55 milioni, vale a dire oltre 9 italiani su 10;
  • il 92% delle persone guarda video online, a conferma di una tendenza che vede già dall’anno scorso la crescita continua di questo formato;
  • la tecnologia voice sta iniziando a diffondersi, come dimostra il 3o% degli utenti Internet che utilizza almeno un servizio controllato tramite la voce;
  • anche il mondo gaming non è da sottovalutare: un italiano su 6 gioca in modalità streaming live, mentre l’11% guarda altri gamers giocare online, il 5,4% in relazione a campionati di e-sports;

 

Social media

  • sono 35 milioni le persone attive sulle piattaforme, di cui 31 milioni quelli che accedono da mobile, canale che conferma il suo ruolo fondamentale;
  • le persone trascorrono in media sui social network un tempo di poco inferiore alle 2 ore ogni giorno;
  • la piattaforma social più attiva si conferma YouTube, seguita da WhatsApp e Facebook;

Mobile

  • quasi tutti gli abitanti del nostro paese possiedono un telefono cellulare (97%). Il 76% ha uno smartphone;
  • l’87% degli italiani utilizza device mobili per attività di messaggistica, mentre lato intrattenimento la fruizione di contenuti video da mobile interessa 4 italiani su 5 e il gaming un italiano su due;

E-commerce

  • la crescita nell’utilizzo di Internet sta trascinando anche l’e-commerce: i tre quarti di tutti gli utenti di Internet ha dichiarato di aver acquistato nell’ultimo mese prodotti o servizi online, il 42% grazie a un dispositivo mobile;
  • la spesa totale online per i beni di consumo durante il 2018 è stata di 15,63 miliardi di dollari, con un incremento del 13% rispetto all’anno precedente;

E nel mondo?

  • il numero di persone che accedono a Internet è ora pari a 4,39 miliardi, in aumento rispetto ai 4,02 miliardi dell’anno precedente;
  • tre miliardi e mezzo di persone sono attive sui social media, cioè il 45% della popolazione mondiale, in aumento rispetto al 2018 (42%). Di loro, 3,25 miliardi utilizza i canali social da mobile;
  • più di 5 miliardi di persone nel mondo, due terzi degli abitanti del pianeta, possiedono un telefono cellulare;

We Are Social_Tempo speso sui media

“In Italia i canali social e digital si confermano un punto di riferimento per informazione, intrattenimento e conversazione. In linea con i paesi occidentali, anche gli italiani stanno sviluppando grande attenzione per temi importanti legati alla loro vita online, come il controllo della propria privacy e la scelta di fonti di informazione affidabili. Interessante notare, oltre all’aumento del numero di utenti social media, la crescita di comportamenti legati a nuovi formati di fruizione e a tecnologie relativamente nuove, come le ricerche vocali, l’interazione con intelligenza artificiale, l’e-gaming e le sue varie declinazioni. La maggiore attenzione da parte delle persone per la comunicazione social e digital, e l’aumento dei punti di contatto, rendono fondamentale che i brand conoscano profondamente le esigenze delle persone a cui si rivolgono: l’unica via per stabilire una connessione e avere un impatto positivo attraverso la creatività”, commentano Gabriele Cucinella, Stefano Maggi e Ottavio Nava, CEO We Are Social

Sebbene nel 2018 i social media siano stati sotto la lente di ingrandimento e si sia registrata una diminuzione della fiducia da parte delle persone, vediamo che queste ultime continuano a trascorrere sempre più tempo sulle piattaforme – la media giornaliera nel mondo è di 2 ore e 16 minuti, circa un settimo delle ore di veglia”, afferma Penny Wilson, CMO di Hootsuite. Ma per stimolare l’attenzione dei consumatori, i brand hanno bisogno di ripensare le modalità con cui interagiscono sui canali social. Devono fare attenzione alla privacy dei propri clienti e, allo stesso tempo, creare connessioni dirette grazie a contenuti interessanti e al passo con le loro esigenze mantenendo un approccio autentico in grado di riflettere i valori del brand”.