FIEG: confronto con gli edicolanti ma nel rispetto delle regole

41

Con riferimento alla iniziativa promossa dal Sinagi a Roma la Fieg precisa.

Gli editori si sono impegnati in un confronto con le organizzazioni sindacali degli edicolanti per il rinnovo dell’Accordo nazionale della rete di vendita, perché convinti della sua fondamentale ed insostituibile funzione per avvicinare i cittadini alla lettura dei giornali.

edicola

Nell’ultimo incontro del confronto era stata espressa da tutti i sindacati dei rivenditori, nessuno escluso, la disponibilità, poi anche confermata con un comunicato stampa unitario delle organizzazioni sindacali, a proseguire il confronto, anche in attesa di conoscere gli interventi di sostegno concreto alla rete delle edicole promessi da parte del Governo.

La Fieg ha, inoltre, con convinzione proseguito, dopo le proficue iniziative con il comune di Firenze e la firma dell’Accordo con l’Anci, una costante e continua attività di stimolo e di collaborazione con gli enti locali per favorire il rinnovamento del ruolo e della funzione delle edicole, promuovendo l’avvio di importanti iniziative per sostenere l’attività dei punti vendita e, con essa, una maggiore diffusione della stampa. Citiamo, per tutti, gli ultimi interventi del Comune di Cesena e quello di Forlì, in cui le amministrazioni comunali hanno riconosciuto ai punti vendita il beneficio dell’esenzione totale dal pagamento del canone per l’occupazione di spazi e aree pubbliche, e il lavoro con le città metropolitane, in particolare Milano e Bologna, che si concretizzeranno in ulteriori iniziative a vantaggio delle edicole.

Nella legge di Bilancio, poi, anche con il convinto sostegno della Fieg, è stato varato un provvedimento di concreto sostegno alle edicole con il riconoscimento di un credito d’imposta di 30 milioni di euro nel biennio 2019/2020.

La Fieg conferma la disponibilità alle organizzazioni degli edicolanti a continuare il confronto, a condizione che sia riconfermata la volontà a proseguirlo con serietà, nel rispetto delle regole e degli affidamenti dati, evitando iniziative che costituiscono unicamente un ostacolo alla soluzione dei problemi del settore.