Fileni Bio torna in TV, una scelta di successo che compie 20 anni

82

Nuovo spot per raccontare l’esperienza e la tradizione dell’azienda marchigiana nella filiera di carni bianche biologiche. Anche i pack si rifanno il look: sostenibili e con più informazioni

A due anni dal lancio della prima campagna, torna in radio e tv lo spot di Fileni BIO. Da domenica 23 settembre a domenica 14 ottobre saranno numerosissimi i passaggi sulle principali reti nazionali, negli orari di maggiore ascolto.

vlcsnap-2018-09-21-12h11m08s313

Nel nuovo spot, l’azienda marchigiana – prima produttrice nazionale di carne di pollo bio – accende i riflettori sulla propria esperienza nel mondo del biologico, raccontando la sua passione per la qualità e per il rispetto della tradizione.

Da oltre 20 anni, con grande lungimiranza, Fileni ha intrapreso la strada del biologico, proponendo ai consumatori prodotti di alta qualità che rispettano l’ambiente e il benessere animale. Le numerose certificazioni, tra cui la recente e prestigiosa ISO:14001 per la gestione ambientale, testimoniano un impegno concreto a favore della ricerca dell’eccellenza.

Questa filosofia ha garantito a Fileni la leadership nel mercato del bio. Una leadership che ora viene rimarcata in uno spot tutto nuovo – firmato anche questa volta da Lorenzo Marini Group – che risponde alla domanda: “Che cosa c’è dietro a Fileni BIO?”.

In 30 secondi viaggiamo così alla scoperta della filosofia di un’azienda che guarda all’eccellenza senza compromessi: Fileni si prende lo spazio per raccontare i motivi di una storia e di una scelta lungimirante, fatta di amore per la natura e rispetto per l’ambiente. Numerose sono le inquadrature delle colline marchigiane e del centro Italia, paesaggi e terreni biologici in cui si inseriscono gli allevamenti Fileni. Tutto questo per ricordare ai consumatori che il pollo Fileni BIO “è naturale, è buono”.

In casa Fileni le novità non si fermano mai e così – in concomitanza con il nuovo spot – arriva un packaging tutto nuovo per la linea biologica: addio, dunque, al polistirolo in favore di una vaschetta in plastica più resistente e pratica che può essere smaltita nella raccolta della plastica. Anche l’etichetta è stata abbandonata per lasciare spazio ad un elegante film stampato dove lo storytelling di filiera e il racconto dei plus di prodotto trova ancora più spazio.