Moto: crescono le immatricolazioni di un +2,1% ad agosto

39

L’andamento delle immatricolazioni per i veicoli con cilindrata superiore a 50cc rimane positivo e totalizza 11.976 unità, pari al +2,1% rispetto allo stesso mese del 2017.

Leggermente più alto l’incremento delle moto con 4.436 vendite e un +3,4%, mentre degli scooter arrivano a 7.540 pezzi e un +1,3%. Continua invece l’arretramento dei 50cc con 1.399 registrazioni pari al -15,5%.

Complessivamente nel mese i volumi dell’intero mercato italiano delle 2 ruote (immatricolazioni + 50cc) totalizzano 13.375 vendite, allo stesso livello del 2017. Il mese di agosto vale  solo il 5% delle vendite annuali, dato che  molte concessionarie effettuano la chiusura estiva.

alquiler-moto-2-sb

Da gennaio ad agosto 2018 l’immatricolato totalizza 168.736 veicoli pari al +4,9%, di cui 95.772 scooter con un +1,4% rispetto all’anno scorso, e 72.964 moto pari al +9,8%. I “cinquantini” mostrano un deficit di volumi con 14.189 unità, pari ad una flessione del -14,8%.

Il progressivo dei primi otto mesi del 2018 certifica che in Italia sono stati complessivamente venduti 183.000 veicoli a due ruote (immatricolazioni + 50cc) con un incremento del +3% rispetto al gennaio-agosto 2017.

“Il mercato delle due ruote consolida nel dato progressivo il percorso di ripresa e conferma le previsioni. Il quadro economico mostra segni di rallentamento e scende l’indice di fiducia di imprese e famiglie; salgono gli interessi per il debito pubblico e non c’è chiarezza sulla nuova manovra economica. Il nostro settore è comunque pronto a moltiplicare gli sforzi per intercettare il maggior numero di utenti e dimostrare tutte le opportunità offerte dall’uso dei nostri veicoli” – afferma Andrea Dell’Orto, Presidente di Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) – “Il nostro obiettivo è quello di lavorare costantemente per migliorare la sicurezza di chi viaggia su moto e scooter. Ma l’evoluzione dei prodotti non è sufficiente se non accompagnata da investimenti dedicati alle infrastrutture. Ci aspettiamo che gli interlocutori istituzionali riconoscano il contributo fondamentale delle due ruote per la mobilità urbana sostenibile e si attivino per creare un ambiente favorevole allo sviluppo.    

Tutti i produttori dei veicoli e la filiera del settore stanno preparando le novità che saranno presentate alla prossima edizione di EICMA, l’appuntamento più importante nel mondo, dove si porteranno alla ribalta  tutte le innovazioni realizzate per il nostro mercato.”

L’analisi degli scooter per cilindrata conferma la leadership per i 125cc con 35.062 veicoli e un +10,5%. Seguono i modelli da 300 a 500cc con 34.041 unità e un più modesto +1,9%; in flessione i 150-250cc con 17.890 vendite e un -9,1%. Arretrano anche i maxi scooter oltre 500cc, che con 8.779 pezzi segnano un       -8,7%.

Nelle immatricolazioni moto, il comparto delle 800-1000 cc rimane il più importante con 20.078 pezzi, ma sono in calo con un -4,3%. A seguire le moto superiori ai 1000cc che restano in positivo, con 19.277 unità, pari al +5,8%. In leggera flessione le 600-750cc, con 12.421 moto pari al -1%. Eclatante il risultato delle moto tra 250-500cc, che con 11.527 vendite accelerano del +64,4%. Infine ottengono un interessante sviluppo le “entry level” di 125cc, che con 7.839 immatricolazioni, incrementano di un +31,6%.

A livello di segmenti moto le naked sono le più dinamiche totalizzando 28.761 pezzi e un +13,8%, seguono in ordine di importanza le enduro, con 23.308 unità pari a un +11,6%. A distanza compaiono le moto da turismo con 9.484 pezzi, in linea con l’anno scorso. Ripresa per le custom, con 4.493 moto e un +6,1%; seguite dalle sportive con 3.821 moto e un +9,3%; infine le supermotard, mostrano un leggero incremento con 2.337 unità, pari al +1,5%.