I pupi siciliani testimonial nel nuovo spot di Condorelli

Condorelli, storico produttore dolciario di Belpasso (CT), noto soprattutto per i suoi torroncini, torna in comunicazione con una nuova campagna dedicata ad uno dei suoi prodotti più legati al consumo estivo, il latte di mandorla. L’idea dello spot, declinato nei due formati 15’’ e 10’’, attinge a piene mani dalla cultura regionale e sceglie per protagonisti dei testimonial molto singolari: due personaggi dell’Opera dei pupi, il tradizionale teatro di marionette siciliano incentrato per lo più sulle epiche gesta dei paladini di Francia fedeli a Carlo Magno.

condorelli1

La scenetta – ritmo serrato, impianto teatrale e taglio ironico –, contrappone un fiero paladino ad un classico saraceno che decidono di rinunciare ai duelli per godersi un bel bicchiere del latte di mandorla Condorelli, prodotto di altissima qualità che vanta la più alta percentuale di mandorle del mercato (ben l’11%). Il dialogo, interamente in rima, rivela, in un piccolo “colpo di scena” finale, la vera natura del protagonista, che dichiara con orgoglio il suo titolo non di paladino bensì di Cavaliere.

La campagna tv è supportata da una pianificazione Facebook che continua idealmente le gesta dei due personaggi attraverso rubriche e contenuti ironici, permettendo di mettere maggiormente in risalto le singole referenze della gamma del latte di mandorla: classico, light, mandorla e pistacchio e la nuovissima varietà BIO.

L’idea creativa è frutto dell’unione tra l’agenzia pubblicitaria Tam Tam Adv, lo studio di produzione Audiocomm e l’arte della Marionettistica Fratelli Napoli, storica compagnia teatrale di Catania che ha messo a disposizione la sua quasi secolare esperienza artigianale e recitativa al servizio del brand di Belpasso, dando vita ad un prodotto di rara qualità, bellezza e magia.


CREDITI
Cliente: Condorelli
Direzione creativa e Copywriting: Gianluca Grisolia
Account: Cristina Alletti
Agenzia di comunicazione: Tam Tam Adv
Produzione: Audiocomm
Regia: Giuseppe Di Blasi
Montaggio: Giuseppe Guerrera