Massimo Ferro è il nuovo Presidente di Gruppo Collis

97

Dal 21 marzo 2018 Massimo Ferro, storico socio della Cantina di Colognola ai Colli, riveste l’incarico di Presidente della Società Cooperativa Agricola Consortile. Tra i nuovi obiettivi di quest’anno: proseguire il percorso di espansione del Gruppo e creare nuove sinergie tra le aziende associate, per accrescere ulteriormente il posizionamento sul mercato italiano e internazionale.

Massimo Ferro
Massimo Ferro

Ventata di novità in Gruppo Collis: la Società Cooperativa Agricola Consortile, con sede a Monteforte d’Alpone (VR), rafforza il consolidamento sul mercato e ne affida la guida al dott. Massimo Ferro, socio produttore della Cantina di Colognola ai Colli.

Nominato Presidente in data 21 marzo 2018, Massimo Ferro è un imprenditore nel settore chimico, a capo di un’azienda leader tra i produttori di fertilizzanti, con stabilimenti in Veneto e in Croazia. Grazie ad una conoscenza dell’ambito agro-alimentare e turistico, con la famiglia gestisce anche un’azienda agricola. Laureato in Scienze Giuridiche e residente a Verona, ha svolto anche attività pubblica, in qualità di sindaco di Caldiero (VR), Presidente dell’aeroporto Catullo di Verona, Presidente della Camera di Commercio di Verona, Consigliere d’amministrazione del Banco Popolare, Deputato dal 2001 al 2006 ed ora neo Senatore.

L’esperienza maturata nel settore vitivinicolo e il rispetto dei patti parasociali di Gruppo Collis, che prevedono l’alternanza della provenienza nell’elezione del nuovo Presidente, hanno determinato la scelta di quest’ultimo. Dal predecessore Pietro Zambon, Presidente della Cantina Colli Berici a Massimo Ferro, Presidente della Cantina di Colognola ai Colli, scelto per proseguire il percorso di crescita già avviato dai precedenti responsabili.

Al nuovo Presidente spetterà la responsabilità di consolidare maggiormente l’integrazione e le sinergie tra le aziende commerciali del Consorzio, la cui passione per il proprio territorio e la ricerca dell’eccellenza hanno determinato uno sviluppo notevole nell’ultimo periodo: secondo gli ultimi valori di bilancio consolidato infatti, il fatturato del 2017 ha raggiunto i 115.357.000 milioni di euro, segnando un +8,4% di crescita rispetto al 2016.

L’obiettivo di perseguire una crescita sana e ponderata si coniugherà all’impegno nel dare valore agli oltre 2.400 soci viticoltori che quotidianamente curano più di 6.400 ettari di vigneto distribuiti su tutte le principali zone di produzione del Veneto: dalle colline del Soave, alle province di Vicenza e Padova, fino alle terre del Valpolicella. Vini che testimoniano la forte personalità del territorio, trasmettendo allo stesso tempo un imponente spirito innovativo nella cura di tutte le fasi della filiera produttiva, con un occhio di riguardo alla sostenibilità ed al rispetto per l’ambiente.