Eurobarometro fake news:  per il 90% degli italiani rappresentano un problema,  ma il 73% è in grado di identificarle

Il 37% degli Italiani intervistati dichiara di entrare in contatto con fake news ogni giorno, il 31% almeno una volta alla settimana ma allo stesso tempo il 73% – in linea con la media europea – si dichiara in grado di identificarle.

5ac77183-1f57-40d4-806c-765d48052b2f__O 14d6b822-558e-4149-be5d-a44eb35907be__O cb9bcd34-79fa-4b89-b0a8-3d9da2ddb45f__O

Solo il 19% degli intervistati in Italia dichiara di avere fiducia nelle news diffuse sui Social Network e sulle App di Messaggistica – terzo valore più basso tra i 28 Paesi – e oltre il 90% degli stessi dichiara che le fake news oggi rappresentano un problema, per l’85% sono nello specifico un rischio per la democrazia in generale (settimo dato assoluto).

Queste alcune delle evidenze presentate dalla Commissione Europea provenienti dalla prima ricerca sulla percezione delle fake news e sulla loro fiducia nelle fonti dei media, che ha coinvolto oltre 26.000 cittadini all’interno dei 28 paesi dell’Unione.

e129e724-7499-4d43-9652-6214bec0491b__O

Quello che emerge dalla ricerca dell’Eurobarometro è uno scenario che conferma la pericolosità delle fake news all’interno del panorama europeo dei media, anche se con gradi e impatti diversi sui diversi mezzi” dichiara Fabrizio Angelini, CEO di Sensemakers e rappresentante di comScore per l’Italia “Quasi quattro italiani su dieci dichiarano di entrare in contatto quotidianamente con contenuti falsi ma oltre il 70% ritiene di essere in grado di riuscire ad identificarli. Permane però il dubbio che nell’insieme rilevato non rientri tutta l’area grigia della digital propaganda o dei link ‘clickbait’ condivisi sui social network dove spesso un titolo riporta in modo tendenzioso un riassunto parziale o enfatizzato della notizia stessa. Ad emergere in modo chiaro sono anche le differenze nel livello di fiducia verso i vari mezzi di informazione, mentre quelli tradizionali si attestano tutti su percentuali superiori al 50%, l’informazione veicolata tramite social o app di messaggistica si attesta al 19% (terzo valore più basso tra i 28 stati membri)”.