Vizi Pubblicitari – I compagni che sbagliano….

566

di Federico Unnia

La mia generazione ha vissuto gli anni del terrorismo, i drammatici rapimenti, il confronto duro ed ideologico. Una frase ricorrente, nelle affollate palestre liceali durante le assemblee e i collettivi, recitava: “Sono compagni che sbagliano”, riferito a chi sparava, picchiava, attaccava la polizia, bruciava, danneggiava ed espropriava. Salvo poi, fatto il danno e trovata la giustificazione, ritirasi in buon ordine per i week end in montagna.

Invitano Renzi a non "disertare la sua iniziativa elettorale a Pomigliano", ma intanto annunciano per l'ex premier una vera e propria "accoglienza funebre". Dopo i manifesti con la testa di Vittorio Sgarbi sanguinante sul corpo di due capre, ed il lancio di rotoli di carta igienica contro Gennaro Migliore, gli esponenti dei Si Cobas Fca e del Collettivo 48OHM di Pomigliano d'Arco, hanno fatto stampare centinaia di manifesti che annunciano la morte del segretario del Pd, da affiggere in citt‡ nelle prossime ore. Due i proclami a firma dei sindacalisti: uno con l'annuncio della morte e dei funerali di Renzi che "si terranno il 4 marzo alle ore 22 dal Parlamento italiano" e l'altro, molto pi˘ macabro del primo, sul quale campeggia la foto dell'ex premier in una bara, fotomontaggio utilizzato dal sindaco di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna,  attorniata da articoli di giornale che richiamano suicidi e morti bianche avvenute in questi anni, dal titolo "Non abbelliremo il vostro terrore". ANSA
Invitano Renzi a non “disertare la sua iniziativa elettorale a Pomigliano”, ma intanto annunciano per l’ex premier una vera e propria “accoglienza funebre”. Dopo i manifesti con la testa di Vittorio Sgarbi sanguinante sul corpo di due capre, ed il lancio di rotoli di carta igienica contro Gennaro Migliore, gli esponenti dei Si Cobas Fca e del Collettivo 48OHM di Pomigliano d’Arco, hanno fatto stampare centinaia di manifesti che annunciano la
morte del segretario del Pd, da affiggere in citt‡ nelle prossime ore. Due i proclami a firma dei sindacalisti: uno con l’annuncio della morte e dei funerali di Renzi che “si terranno il 4 marzo alle ore 22 dal Parlamento italiano” e l’altro, molto pi˘ macabro del primo, sul quale campeggia la foto dell’ex premier in una bara, fotomontaggio utilizzato dal sindaco di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna, attorniata da articoli di giornale che richiamano suicidi e morti bianche avvenute in questi anni, dal titolo “Non abbelliremo il vostro terrore”. ANSA

Oggi, a distanza di 40anni, i compagni sbagliano ancora. “Volevamo fare satira” il commento incivile e falso. Mi riferisco al necrologio che i Cobas di Pomigliano D’Aarco in quel di Napoli (motivo in più perché lo scudetto di serie A lo vinca la Juve di casa Agnelli!) in cui si celebra la morte politica di Matteo Renzi. Che ironia è? Già fa discutere quando simili messaggi compaiono con riferimento alle sfide calcistiche, ma a quella politica, soprattutto in questa, francamente è troppo. Ironia, frustrazione, disagio per quanto patito? Possibile e rispettabile, ma il buon gusto e il rispetto, anche nella comunicazione elettorale, resta sopra ogni cosa. Bene ha fatto la polizia ad impedirne l’affissione. Matteo Renzi probabilmente subirà una sonora sconfitta. basta quello, non scherziamo sulla morte dell’avversario. Si corre il rischio, alla fine, di trovarsi a giocare da solo. sarà divertente?