Con l’uscita di Giletti Rai perde 8 milioni di euro e intanto gli stipendi dei collaboratori sono fermi da 5 mesi

Massimo Giletti
Massimo Giletti

di Mario Modica

L’uscita quasi certa di Massimo Giletti  costera’ molto cara alla Rai . Secondo uno studio di Spot and Web, i Centri media valutano che l’impatto sui conti del servizio pubblico saranno pesanti.

La stima fra spot e promozioni è di 7 milioni e mezzo di euro di raccolta pubblicitarie, considerati i costi esigui del programma e dello stesso conduttore rapportato ai super stipendi di Fazio e Clerici.

Fra i dirigenti della Rai c’è parecchio malumore ma, soprattutto, il risentimento è tra quelle centinaia di partite iva che non vengono pagate da maggio. Migliaia di collaboratori tra cui anche qualche big del piccolo schermo a cui i pagamenti sono stati bloccati. E se lo share di programmi in autunno si abbasserà, ci sarà un ulteriore calo delle entrare con conseguenze per le casse e per i lavoratori che stanno innervosendo non poco.

Un clima del genere, perdere un gioiello come il popolare conduttore piemontese, ha già fatto allarmare Rai Pubblicità che sta intervenendo affinché la coppa Orfeo e Maggioni ci ripensino con tanto di report interno anche perché Giletti garantiva utili anche con le prime serate contro la De Filippi.