Al via la nuova campagna adv di Radio Monte Carlo

Ha preso il via in questi giorni la nuova campagna di comunicazione di Radio Monte Carlo . 
Il concept gioca creativamente con il simbolo indiscusso di RMC, la corona, elemento inconfondibile del logo della radio, che diventa componente distintivo e iconico della comunicazione dell’emittente per rimarcarne l’identità glamour, esclusiva, chic, di classe. Da qui, il claim “The Radio Icon”.
 
Lo spot è realizzato completamente in motion graphic. Immersi in un limbo chiaro, i simboli della musica, strumenti e non solo, si animano e, come calamitati, convergono a formare la corona. Attraverso un unico piano sequenza, la regia segue in soggettiva gli elementi che vengono attirati uno dall’altro. Lo spot si chiude con un crescendo: la soggettiva si allarga con un unico movimento “vorticoso” e regala la visione completa della corona.


 
Il nuovo concept di campagna è stato declinato in spot TV e campagna stampa multisoggetto.
 
La pianificazione multipiattaforma comprende TV generalista e satellitare (Sky Arte, Fox, Supertennis, Discovery) con spot da 5” e da 10”. La collaborazione con Discovery si esprime, oltre che nella semplice pianificazione, anche in una partnership editoriale con il programma di Benedetta Parodi “Pronto e postato”, alla quale ne seguiranno altre nel corso dell’anno.
 
La strategia contempla stampa periodica e quotidiana (tra cui Chi, Donna Moderna, Sorrisi e Canzoni, Grazia, Starbene, Panorama, Vanity Fair, Gioia, Arbiter, Cosmopolitan, Focus, Icon, Giallo Zafferano, Meridiani, Quattroruote, Marie Claire, Elle, Glamour, Millionaire, Il Corriere della Sera, La Stampa, Il Fatto Quotidiano, QN, La Gazzetta del Mezzogiorno), affissioni in metropolitana e aeroporti.
 
Dal lato digital la campagna è pianificata su Facebook, Twitter, Instagram, Google+ e su Daily Motion.
 
Un contest on air inviterà gli ascoltatori a giocare con l’immagine della corona per aggiudicarsi i premi firmati RMC.
 
Dal primo maggio, inoltre, RMC ha rinnovato la propria veste sonora grazie a una produzione interamente realizzata a Londra.