“STEP INTO THE LIGHT” nuovo cortometraggio di Kenzo Parfums

In occasione del lancio della Nuova Flower by Kenzo Eau de Lumière, anche definita come “profumo della luce”, Kenzo Parfums presenta oggi “Step into the light”, il primo cortometraggio dell’artista francese Julien Douvier, realizzato interamente con la tecnica del cinemagraph e dedicato al potere luminoso del papavero. Si tratta di un film di 1’11’’ che deriva da 15 cinemagraph assemblati con un format narrativo poetico e potente.

“La luce non ha odore in natura,” affermano Alberto Morillas e Amandine Clerc-Marie, nasi profumieri di Eau de Lumière “proprio come il papavero, ma è in grado di evocare sensazioni di bellezza e di forza, emozioni e magia”. Proprio la luce e il suo potere magico sono il cuore pulsante di questo cortometraggio. È un raggio, infatti, a mostrare la via, e il personaggio principale, una donna vestita di rosso, gioca con le ombre alla ricerca della luce. La sua aura è l’espressione del potere luminoso del papavero.

Il soundtrack originale del cortometraggio è stato realizzato da Irène Drésel, talento emergente della musica elettronica e dell’arte contemporanea, finalista del Prix Ricard S.A. Live Music 2017. Si tratta di una techno sensuale, femminile, luminosa.

Protagonista del cortometraggio è Tiah Beye, incarnazione della libertà, dell’anticonformismo, della leggerezza, mentre cammina verso la luce con la sua sensualità naturale e piena di orgoglio. Come tutte le donne scelte per le campagne di Kenzo Parfums Tiah rappresenta una bellezza non scontata, una femminilità ricercata e una sensualità profonda, ma mai urlata.

Il progetto è stato fortemente voluto da Patrick Guedj, direttore artistico di Kenzo Parfums, nonché regista, fotografo, scrittore e appassionato di viaggi. Da oltre 10 anni lascia il suo segno singolare, poetico e sensuale su tutte le campagne della Maison, creando magiche alchimie tra fragranze, design e comunicazione, rendendo i prodotti rilevanti per diverse generazioni e sempre coerenti all’epoca contemporanea.

L’artista francese Julien Douvier crea suggestivi cinemagraph animati dedicati alla città e alla natura offrendo una visione ipnotica e poetica del mondo, trasformando una persona, una goccia d’acqua o un filo d’erba in un’anima viva dentro un quadro statico. Grazie al suo lavoro la bellezza della contemplazione è in grado di sublimare gli oggetti più semplici e delicati in un frame mesmerista.
Un cinemagraph è un formato ibrido tra la fotografia e il video che, data un’immagine statica, ne anima una parte in un loop, creando suggestioni visive molto poetiche ed emozionanti.