Gli altri Social Media, come usare il blog

506

Piccole lezioni (un pò irriverenti) per tenersi a galla. Parte 30.

Altro importante social media, il blog
Altro importante social media, il blog

Altri Social Media
Blog, forum e community, sono gli altri Social Media sui quali possiamo operare. Partiamo dal Blog.

Blog
Il termine è la forma abbreviata di Web-log, ovvero diario in rete. Si tratta di un sito dove gli articoli vengono pubblicati in ordine cronologico dal più vecchio al più recente. Gli utenti possono lasciare commenti o condividere contenuti attraverso i tastini di sharing.La struttura di un blog in genere è caratterizzata da un corpo centrale e una sidebar (o barra laterale).

Nel corpo centrale sono presenti gli articoli in ordine cronologico. Cliccando su di essi (sul titolo) si accede all’articolo intero.

Alcuni blog riportano già nella home la lista di articoli interi ma è sconsigliabile adottare questa soluzione perché in questo modo gli utenti si fermano solo su un unica pagina senza produrre pagine viste che, se il nostro business è basato sulla pubblicità, sono utili ai fini della vendita degli spazi.

Nella sidebar è presente una window di ricerca articoli e poi vari box: le categorie del blog, gli articoli più letti, gli archivi, i tag (clcicando sui quali accediamo per argomento agli articoli) e le eventuali tab di Facebook e Twitter.

Nel blog del progetto B&B possiamo inserire al top della sidebar, sotto la window di ricerca, una window di prenotazione. Nella parte down della sidebar invece possiamo inserie un box con una serie di offerte random.Ma nella struttura in alto ovviamente è presente anche il menù della piattaforma.

Questo perché l’utente che atterra sul blog deve essere sempre indotto poi ad accedere al sito per prenotare.

Esempio di blog su Booking.com
Esempio di blog su Booking.com

La struttura dell’articolo è naturalmente caratterizzata dal titolo e nella parte sottostante dai tastini di sharing. E’ bene posizionare questi ultimi sempre sotto al titolo e mai alla fine dell’articolo perché l’appeal del suddetto titolo induce istintivamente a condividerlo attraverso i tastini.Ovviamente poi c’è il corpo dell’articolo nel quale possiamo embeddare un video (coerente con il contenuto dell’articolo), che è presente su Youtube. Questo appunto perché introdurre video attinenti a ciò che stiamo scrivendo e soprattutto video presenti su Yotube ci consente di essere posizionati meglio su Google.

Immediatamente alla fine dell’articolo con il video, c’è un claim che ricorda la presenza di sconti sul sito. Il claim ovviamente è linkato al sito per indurre l’utente ad accedervi.

E’ presente poi la lista di altri articoli che potrebbero interessare, naturalmente c’è uno spazio per lasciare i commenti.

La gestione del blog in backoffice, avviene attraverso il CMS (Control Management System). Si tratta di una piattaforma che ci consente di amministrare appunto il blog. La più comune è WordPress.

Esempio di dashboard WordPress
Esempio di dashboard WordPress

Selezionando nella dashboard “nuovo articolo”, ci ritroveremo all’interno della pagina che ne gestisce la strutturazione.

Presente il corpo in cui scrivere l’articolo, il box in cui selezionare le categorie e introdurre i tag e il box in cui introdurre gli elementi utili al posizionamento.

Le parole chiavi, il titolo SEO che comparirà nei risultati dei motori di ricerca e la Metadescription, ovvero la descrizione che compare nei motori di ricerca.

Esempio di nuovo articolo nella dashboard WordPress
Esempio di nuovo articolo nella dashboard WordPress

 

Aea in cui introdurre parola chiave, tag etc.
Area in cui introdurre parola chiave, tag, etc.

Il blog può essere usato in forma a se stante, senza essere integrato in alcun progetto come può essere quello di un e-commerce, per promuovere i propri contenuti e magari basere il business sulla vendita di spazi pubblicitari agli inserzionisti.

Nel nostro caso, come anche in altri, integriamo il blog nel sito di per dare un valore aggiunto al progetto. Ma anche per posizionare nei motori di ricerca le pagine della nostra piattaforma. Infatti i nostri articoli, strutturati in modo tale da far atterrare l’utente anche sullo store, vengono inidicizzati da Google e dagli altri motori di ricerca.

Lorenzo Citro
Digital Marketing Manager
(Docente a contratto di Web Marketing presso la BBS – Università di Bologna)