Vicker parte a Milano, con il sostegno del Governo e della Regione Lombardia

65

“Un progetto serio a cui auguriamo un grande futuro”. Così il Consigliere economico di Palazzo Chigi Marco Leonardi ha salutato il lancio in città di Vicker nell’ambito della presentazione del progetto, ieri sera al TOM di Milano.

Leonardi, che con Maurizio Del Conte, consigliere giuridico del presidente del Consiglio Matteo Renzi e presidente dell’Anpal  (Agenzia nazionale per le politiche del lavoro) ha ricevuto a Roma, a Palazzo Chigi, nei giorni scorsi, i fondatori della start up vicentina, l’unica del suo settore che ha ottenuto il riconoscimento del Ministero del Lavoro, non era il solo rappresentate delle Istituzioni presente alla serata.

Matteo Cracco, Klaus Davi, Luca Menti
Luca Menti, Klaus Davi, Matteo Cracco

Al battesimo nel capoluogo meneghino della piattaforma (www.vicker.org) che mette in contatto diretto chi ha bisogno di una prestazione d’opera con lavoratori verificati ed assicurati che si candidano per svolgere quel servizio, c’era anche la Regione Lombardia, con l’Assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro Valentina Aprea: “Siamo sempre molto attenti allo sviluppo delle nuove tecnologie – ha detto – e a tutti quegli strumenti, come Vicker, che possano portare un servizio concreto e nuove opportunità di lavoro legale, trasparente e pulito, facendo emergere dal sottobosco del lavoro nero tanti lavoratori occasionali costretti ad accettare incarichi in situazioni di illegalità pur di lavorare”.

Per Matteo Cracco e Luca Menti, fondatori della start up che nei primi mesi di vita ha registrato oltre 20mila download della sua App e che dal 19 settembre è anche un portale (www.vicker.org) attraverso cui è possibile richiedere servizi stabilendo la cifra che si è disposti a pagare, il lancio della piattaforma a Milano è un nuovo inizio: “Abbiamo creato Vicker – ha detto Matteo Cracco che da regista lo scorso anno ha vinto il Giffoni Film Festival – per cambiare le nostre vite e portare qualcosa di buono in quelle di tante persone fornendo un servizio affidabile e perfettamente in regola e nuove opportunità di lavoro”.

“Da Milano ci aspettiamo molto – ha aggiunto Luca Menti, fondatore con Cracco della piattaforma – e siamo sicuri che la città forse più cosmopolita d’Italia sappia cogliere al volo le potenzialità di un servizio come Vicker nato proprio per consentire a tutti di trovare il tempo per le cose che si amano, delegando ad altri il disbrigo dei cosiddetti micro job con un’operazione che può durare anche meno di un minuto. La presenza delle Istituzioni ci conforta – ha concluso – e ci indica che stiamo andando nella direzione giusta”.

Alla presentazione del progetto ha partecipato anche Eleonora Mosco, Vice Sindaco di Padova, primo Comune a concedere il Patrocinio a Vicker: “Come amministrazione da sempre rifuggiamo dalla retorica che spesso accompagna il tema della disoccupazione giovanile e preferiamo appoggiare, come in questo caso abbiamo fatto concedendo il Patrocinio a Vicker, iniziative che portino dei benefici concreti ai cittadini. Spazio ai giovani, come Matteo Cracco e Luca Menti – ha aggiunto il Vice Sindaco che ha anche la delega per le Politiche Giovanili – e in bocca al lupo a chi è preparato, competente e si mette in gioco”.

Alla presentazione della piattaforma già attiva a Roma, Vicenza, Padova e che nelle prossime settimane arriverà anche a Bologna, Torino e Firenze, hanno partecipato anche imprenditori ed esponenti di primo piano delle realtà più innovative presenti al momento nel nostro Paese come Manpower, BlaBlaCar, Foodora, Zanox, Uber, Talent Garden, Fazland e molte altre. 

Numeri e curiosità

Su Vicker il 70,9% degli utenti si è iscritto per richiedere una prestazione d’opera, mentre l’ 87,94% trova la piattaforma così utile da consigliarla ai propri amici. Inoltre l’85,63 % degli utenti di Vicker, la netta maggioranza, ha pubblicato un annuncio con una cifra superiore a 20€, che è l’importo minimo con cui retribuire un servizio. Gli utenti di Vicker sono donne per il 36,31% e uomini per il 63,69%. L’utente più anziano che finora si è iscritto ed ha utilizzato Vicker è una signora classe 1929 che ha già richiesto cinque servizi (tra cui pulizia della casa, lavaggio e stiratura degli indumenti) padroneggiando il sistema in piena autonomia.

La lavoratrice più giovane ha 19 anni ed ha avuto diverse richieste, tutte con feedback positivi, nel settore delle pulizie domestiche.