United Colors of Benetton presenta alla Fashion Week il cubo delle emozioni

125

Clothes for Humans, la nuova filosofia di United Colors of Benetton, continua con l’installazione di tre cubi interattivi che  inviteranno chi passa per Piazza XXV Aprile, in centro a Milano, a condividere le proprie emozioni con il resto della città.

Benetton veste i momenti e le emozioni delle persone. Questo è il messaggio alla base di clothes for humans, la filosofia di marketing e di prodotto attorno alla quale, a partire da quest’estate, ruotano tre linee di prodotto, una campagna pubblicitaria globale, una decina di spot per il cinema e la tv e una serie di iniziative e materiali in-store tra cui il magalog, un ibrido tra rivista e un catalogo.

ucb_the-cube-milano-1Durante la settimana della moda di Milano, il focus di Benetton sulle emozioni prende la forma di tre grandi cubi interattivi, installati il 23 settembre in Piazza XXV Aprile, in centro a Milano.

Il passante sarà invitato a entrare nei cubi e inserire in un display alcune informazioni su di sé: nome, età, genere e il proprio stato d’animo in quel preciso momento. Nel tempo necessario per rispondere a queste semplici domande il suo volto sarà visibile all’esterno del cubo, tramite appositi schermi che condivideranno la sua emozione con tutti coloro che si trovano nella piazza.

Una volta aggregate, le emozioni di tutti quelli che hanno partecipato all’esperienza costituiranno una sorta di mappa delle emozioni di Milano, che sarà condivisa anche sui social di United Colors of Benetton. Inoltre, una nota fashion influencer riunirà tutte le emozioni dei passanti in una sola storia condivisa su Snapchat, iniziativa che segna il debutto di Benetton su questo media caratterizzato da immediatezza, spontaneità e liquidità narrativa.

Il cubo segna un altro importante passo per Benetton verso la celebrazione dell’umanità, core concept strategico e comunicativo che mette l’accento sul diritto di vivere la propria realtà ed esprimere le proprie emozioni, indipendentemente dai cliché della moda.