In distribuzione da sabato 24 settembre il nuovo numero di Scarp de’ tenis

140

Sarà in distribuzione dal prossimo week end il numero 205 della storia ventennale di Scarp. Ecco i principali contenuti del giornale:

Inchiesta di Scarp. La cura, giovani in ostaggio
Cresce in maniera esponenziale il numero di adolescenti caregiver. Teenager sacrificati alla famiglia, perché quando un padre o una madre non sono più in grado di lavorare e non ci sono soldi non c’è altro da fare: sacrificano studio, tempo libero e il loro futuro.

Rifugiati, se l’accoglienza si fa in famiglia

È stata la piccola Emma a convincere mamma e papà a prendersi cura della famiglia di Franklin e Joyce, due piccoli rifugiati. Abbiamo incontrato una delle famiglie tutor del progetto “ProTetto – Rifugiato a casa mia”, promosso da Caritas Ambrosiana con l’obiettivo di creare modelli virtuosi di accoglienza diffusa e integrazione.

Allenare alla vita: la sfida di Besate e dei suoi rifugiati

La cooperativa sociale La tua isola oltre a garantire corsi di italiano e inserimenti lavo- rativi per i richiedenti asilo, ha scelto di attuare un progetto educativo attraverso la pra- tica del calcio.

L’intervista a Niccolò Fabi

Il cantautore romano si racconta. «La malinconia è un tratto genetico. È salvezza e con- danna perché è ciò che rende meraviglioso un dramma e drammatica una gioia».

Le rubriche delle grandi firme di Scarp
Scarpospita comesempreilcontributodiqualificatieditorialisti.GianniMuraciracconta di Simone Manuel e Colin Kaepernick due storie di sport e razzismo latente negli Stati Uniti. Piero Colaprico ci fa riflettere sui motivi dell’immigrazione raccontando del barcone dei profughi recuperato dal fondo del mare, con tutti i suoi occupanti, e che cerca casa a Milano. Paolo Lambruschi ci scriveinvece di come la casa sia la prima e vera risposta di con- trasto alla grave emargnazione.

Palazzo Oikos, a Milano un condominio solidale
Al piano terra c’è M’Ama Food, il servizio di catering ideato per sostenere donne rifugiate. Gli altri piani ospitano appartamenti destinati a persone o comunità con bisogni di- versi: disagio abitativo, mancanza di lavoro o disabilità.

Le altre storie

Badanti, a Rimini la richiesta supera l’offerta. Venezia, cambia il welfare: «Basta solo pre- tendere». Salerno, al ristorante sociale la cena costa 1 euro.

coverina