Radio 105 e Radio 24 si contendono Cruciani: ma quanti contratti ha firmato?

195

Giallo nell’Fm italiano. Pier Silvio Berlusconi conferma: “La Zanzara passa a Radio 105”. Ma l’emittente di Confindustria smentisce: “Resta con noi”. Sarà lavoro per gli avvocati?

di Mario Modica

Mario Modica
Mario Modica

I giornali parlano addirittura di “Giallo Cruciani”, un mistero che nei resoconti dell’evento di presentazione dei palinsesti Mediaset, andato in scena lunedì sera a Milano, quasi fa passare in secondo piano i titoli della prossima stagione televisiva. L’irrivente e chiacchierato conduttore de “La Zanzara” lascia davvero Radio 24 per passare a Radio 105 in cambio di un faraonico contratto?

L’annuncio di Pier Silvio Berlusconi
Come rivelato in anteprima da “Spot and Web” lo scorso 22 giugno , Giuseppe Cruciani ha già siglato un accordo preliminare con Mediaset che prevede lo sbarco sulla rete ammiraglia del polo radiofonico del Biscione di una versione riveduta e corretta del suo show e un ritorno in tv (si dice Italia Uno) dopo il clamoroso flop di “Radio Belva” dell’autunno 2013. E all’evento di lunedì sera, davanti ad una selezionata platea di giornalisti, è stato proprio Pier Silvio Berlusconi a confermare la soddisfazione per il blitz: “Cruciani – ha detto l’amministratore delegato del gruppo di Cologno Monzese mentre stava illustrando le potenzialità della cross-medialità – di sicuro lascerà Radio 24 per approdare a Radio 105. Siamo pronti a pensare a progetti con lui anche in tv ma c’è tempo”. Appena la notizia è stata rilanciata dalle agenzie di stampa, però, ecco il secco comunicato del gruppo economico finanziario: “In merito alle notizie di stampa di queste ore – recita la nota che di fatto però smentisce le dichiarazioni rese pubblicamente da Berlusconi – il Gruppo Sole 24 Ore precisa che la trasmissione “La Zanzara”, condotta da Giuseppe Cruciani, è confermata nel palinsesto 2016/2017 di Radio 24″.

E’ sempre il “metodo Cruciani”?
In serata Mediaset ha ribadito, attraverso fonti interne interpellate da Ansa, che il giornalista è già sotto contratto di esclusiva proprio dal mese di giugno e “Spot and Web” è in grado di precisare che, per formalizzare il trasferimento, il gruppo avrebbe stanziato poco meno di un milione di euro a fronte di impegni a sviluppare progetti in ambito radiofonico e televisivo. Fonti di Radio 24, inoltre, riferiscono che sarebbe stato Cruciani stesso a confermare la trattativa “per il sollievo – aggungono le malelingue – dei colleghi della redazione”. Ma allora, cosa è successo? Renato Franco sul Corriere della Sera stamane ipotizza che Cruciani abbia firmato due contratti, concetto che il sempre ben informato Luca Dondoni, su La Stampa, spiega in questi termini: “Voci di corridoio raccontano di un Giuseppe Cruciani che pur avendo firmato per Mediaset nelle ultime ore sarebbe tornato sui suoi passi con il conseguente imbarazzo delle parti coinvolte”. Tanto che, continua Dondoni, “la questione potrebbe finire in mano agli avvocati ancor prima di cominciare”. Un pasticcio o, come ipotizzano fonti vicine al conduttore, l’ennesima riedizione del metodo Cruciani che più o meno ogni anno, di questi tempi, è protagonista del radiomercato a suon di contratti preliminari poi disattesi dalla puntuale (e lauta) controfferta di Radio 24? Poco tempo e lo sapremo.