Nuova Lancia Ypsilon Mya un nuovo piano di comunicazione con protagonista Kasia Smutniak

Arriva la nuova Lancia Ypsilon Mya, la serie speciale pronta a conquistare, ancora una volta, il pubblico femminile con uno stile unico e non convenzionale.

Lancia_Pub_03

La campagna di comunicazione vedrà protagonista l’affascinante Kasia Smutniak, l’attrice di origine polacca e italiana di adozione, che dal 2015 è ambassador del modello Ypsilon.

Non si tratta di una scelta casuale, ma di un rapporto che nasce dalle affinità con i valori del marchio Lancia. Kasia Smutniak ha sempre mostrato di essere una donna forte e un’attrice – tra le migliori nel panorama europeo – dalle capacità poliedriche. Non è mai stata un personaggio in cerca di riflettori, ma si è fatta apprezzare dal pubblico grazie a uno stile semplice e allo stesso tempo sofisticato: lo stile di una donna contemporanea in continua evoluzione, sempre capace di mantenere nel tempo raffinatezza e il portamento.

Diretto dal regista Francesco Calabrese per la Casa di produzione “The Box Film”, lo spot TV inizia con Kasia Smutniak che, a bordo della sua Ypsilon Mya, guida in città mentre in sottofondo riecheggiano le note de “La Bambola” di Patty Pravo. Intanto, dalle terrazze dei palazzi, alcuni uomini con in mano delle canne da pesca tentano di “catturare” la protagonista appendendo agli ami delle esche speciali: una bellissima scarpa, una borsa meravigliosa e altri oggetti particolarmente desiderati dalle donne.

Ma ogni tentativo fallisce: la donna Ypsilon è una donna moderna, forte, con carattere e personalità. Una donna che non si lascia tentare e, per essere conquistata, ha bisogno di ben altro. Forse un uomo bello e affascinante? Sembrerebbe di sì, ma dovendo scegliere tra lui e la nuova Ypsilon MYA, la bellissima e determinata Kasia Smutniak non ha dubbi: Ypsilon Mya è l’unica cosa che può davvero conquistarla. “Nuova Ypsilon Mya. Non può essere che tua”, questo il claim di comunicazione.

La campagna di comunicazione è firmata dall’agenzia Armando Testa, sotto la direzione creativa di Raffaele Balducci.