Global RepTrak 2016 le 100 aziende più reputate nel mondo

168

Rolex, The Walt Disney Company e Google conducono il Global RepTrak® 100 2016, il più importante studio annuale sulla reputazione delle prime 100 aziende nel mondo, condotta da Reputation Institute, leader mondiale nei servizi di misurazione e consulenza sulla reputazione.

global-reptrak

La top 10 del Global RepTrak® 100 del 2016 include:

1. Rolex

2. The Walt Disney Company

3. Google

4. BMW Group

5. Daimler

6. LEGO Group

7. Microsoft

8. Canon

9. Sony

10. Apple

Il metodo di analisi RepTrak® misura la percezione da parte dei consumatori delle maggiori aziende mondiali, basandosi su una scala che tiene in considerazione sette dimensioni: prodotti e servizi, grado di innovazione, ambiente lavorativo, governance, responsabilità sociale, leadership e performance. 

Il Global RepTrak® 100 dimostra che per vincere sul mercato globale, le aziende devono avere successo in tutti e sette gli aspetti della reputazione”, ha commentato Michele Tesoro – Tess, amministratore delegato Reputation Institute Italia, Svizzera & Medio Oriente. “Le tre aziende che siedono sul podio hanno ottenuto infatti, punteggi buoni o eccellenti in ogni parametro, dimostrando come i consumatori siano più inclini ad acquistare e raccomandare i loro prodotti e servizi.”

Una reputazione “eccellente” è rappresentata da un punteggio complessivo RepTrak® Pulse pari o superiore a 80. Un punteggio 70 e 79 è considerato “buono”, mentre è invece “mediocre” se rientra tra 60 e 69. Nessuna delle aziende della classifica ha ottenuto un punteggio inferiore a 67 – prosegue Tesoro -Tess.

Il ranking secondo le singole dimensioni

I consumatori hanno identificato Rolex come leader mondiale per prodotti e servizi, mentre Apple resta al top per innovazione e leadership. Google ha ottenuto punteggi superiori per performance e ambiente di lavoro, mentre The Walt Disney Company è percepita come la migliore per responsabilità sociale e governance.

Il primato di Rolex

Delle 100 aziende della classifica mondiale, solo 6 sono riuscite a guadagnarsi la top 10 nella maggior parte dei mercati. Una di queste, Rolex si aggiudica un posto nella top 10 in ben 11 mercati, guadagnandosi così un primato rispetto ad ogni altra azienda valutata. Seguono Sony, Google, The Walt Disney Company, Samsung e LEGO Group.

La cinquina italiana

L’Italia viene rappresenta da Ferrero che siede al 18esimo posto con un ranking pari a 74,8 oltre a essere la prima azienda del settore alimentare tra le top 100. La seguono Giorgio Armani Group al 32esimo posto con 73,2 punti, Pirelli al 40esimo posto con 72,3, Barilla al 43esimo con 71,9 e Lavazza al 77 esimo con un ranking di 70 punti. “La presenza di queste aziende in un ranking mondiale dimostra la capacità delle realtà italiane di conquistare il consumatore anche fuori dalle mura domestiche. Una conquista che si basa sicuramente sui prodotti di eccellenza oramai riconosciutici, ma anche su altri fattori come la trasparenza e l’eticità dei comportamenti della singola azienda.” – conclude Michele Tesoro -Tess.

I big del settore tecnologico

Microsoft è tornata nella top 10 nel 2016 dopo un anno di assenza, sostituendo Intel, approdata all’undicesimo posto. Apple perde tre posizioni rispetto al 2014, pur rientrando tra le 10 migliori.

L’assenza di Volkswagen

Degna di nota l’assenza dal Global RepTrak® 100 del 2016 del produttore di automobili tedesco Volkswagen, la cui reputazione è crollata globalmente di 13.7 punti alla luce dello scandalo sulle emissioni. VW aveva ottenuto un punteggio di 75 nel 2015, che gli aveva garantito il 14esimo posto nella classifica Global RepTrak® 100 di quell’anno, ma è scesa a una media di 61.3, scivolando in 123esima posizione nel 2016. Tra le sette dimensioni della reputazione, VW ha visto in media un calo di 10.9 punti, con un crollo maggiore a livello di ranking maggiori su governance, responsabilità sociale e leadership. Un calo quest’ultimo che ha impattato sulle scelte del consumatore, come evidenza dell’impatto della reputazione di un’azienda sul business.