Pubblimarket2 firma la nuova immagine coordinata del brand Austrosaat

La società austriaca Austrosaat Samenzucht – che dal 1973 produce sementi di qualità per la coltivazione di prati, ortaggi e frutta – dopo aver indetto una gara che ha coinvolto svariate agenzie a livello europeo, ha affidato a Pubblimarket2 l’incarico relativo alla realizzazione di una nuova immagine coordinata per Austrosaat, il brand attraverso il quale vengono commercializzate le linee di sementi per il settore privato.

Austrosaat_visual

Nello specifico, la gara verteva sulla definizione di quello che al momento è il primo progetto nel piano di comunicazione aziendale, ovvero il restyling della linea Prati da Giardino a marchio Austrosaat. Seguendo l’obiettivo posto dall’azienda di riposizionare il brand ai vertici nel mercato dei semi e delle sementi, Pubblimarket2 ha presentato una proposta strategica accompagnata da una linea guida creativa che ha convinto l’azienda in quanto accattivante e di chiara comprensione per il cliente target.

La creatività messa a punto da Pubblimarket2 per il nuovo packaging è stata declinata per i 3 differenti segmenti che compongono la linea (sportivo, residenziale e speciale), ognuno contrassegnato da un colore di riferimento, per un totale di 7 prodotti. I nuovi packaging, disponibili nei negozi da gennaio 2016, sono stati prodotti nelle versioni da 2 kg, 1 kg e 500 g.

Francesco Sacco, Presidente di Pubblimarket2, dichiara: “Siamo davvero soddisfatti del feedback ricevuto dal cliente che ha apprezzato l’approccio strategico con cui è stata analizzata la richiesta e formulata la proposta. La linea Prati da Giardino rappresenta il primo step di un restyling di più ampio respiro e che nei prossimi mesi ci porterà a lavorare per il completo rinnovamento dell’immagine del brand sugli scaffali.”

Il team di Pubblimarket2 che ha curato il progetto per il cliente Austrosaat è composto da Fabio De Bernardis, responsabile cliente, supportato da Alberto Di Donna (art director) e Pierluigi Buttò per lo sviluppo della creatività, con la supervisione strategica di Francesco Sacco.