GNV sponsorizza il Palermo Calcio

GNV, società leader nel trasporto marittimo di passeggeri e merci nel Mediterraneo, sponsorizza il Palermo Calcio per la stagione 2015/2016 e decide di premiare i suoi tifosi con l’iniziativa “Trasferta in casa“, attraverso una attività ideata da TBWA\Italia.

foto2Trasferta in casa” è un progetto di branded content che nasce per unire ancora di più i tifosi del Palermo calcio con GNV, dando la possibilità di assistere a una partita della propria squadra del cuore a chi non vive in Sicilia.  Il concorso,  comunicato sulla pagina FB di GNV e sui canali social del Palermo Calcio, partirà il 13 febbraio e consentirà ai tifosi rosanero di invitare amici e parenti residenti fuori dal capoluogo siciliano, regalando loro un fine settimana in Sicilia, per assistere insieme a una partita del Palermo Calcio nello stadio Barbera, viaggiando gratuitamente con GNV.

Iscrivendosi al mini sito dedicato www.TrasfertaInCasa.gnv.it, arricchito con contenuti speciali,  si potrà partecipare al concorso: i fortunati vincitori della trasferta per la partita Palermo – Lazio del 10 aprile 2016, saranno estratti tra tutti coloro che si saranno iscritti entro il 14 marzo, condividendo emozioni e ricordi di amicizie e affetti che vivono fuori dalla Sicilia. Le storie e le immagini del viaggio verso Palermo saranno documentate e faranno parte del piano editoriale della pagina FB di GNV.

L’ideazione e la realizzazione del progetto, del minisito, del concorso, del piano editoriale e della comunicazione POP e web è della divisione digital di TBWA\Italia in collaborazione con NEXXA.

Trasferta in casa” vuole mettere, ancora una volta, i passeggeri GNV al centro dell’attività di comunicazione, con un linguaggio vero ed emozionale, secondo il posizionamento di Grandi Navi Veloci “Navighiamo per ciascuno di voi”.

Hanno lavorato al progetto Laura Venuti, copywriter con Chiara Giannuzzi e Giulia Trimarchi, art director e Federico Gatto, digital art director. Direttore creativo Jack Blanga. Chief Creative Officer Nicola Lampugnani.