Da oggi in libreria “La tentazione dell’oblio”, il nuovo libro di Andrea Barchiesi

161

È disponibile da oggi in libreria La tentazione dell’oblio, il nuovo libro scritto da Andrea Barchiesi, fondatore di Reputation Manager, la principale azienda italiana in materia di analisi e gestione della reputazione online. Del libro è disponibile anche l’ebook.

TentazioneOblio_Cover_Indice

Pubblicato da Franco Angeli, il libro affronta il tema dell’oblio, tornato alla ribalta sotto forma di diritto sancito da una ormai celebre sentenza emessa nel 2014 dalla Corte di Giustizia Europea, che consente ai cittadini europei di chiedere la rimozione dai motori di ricerca di contenuti inadeguati o non pertinenti alla loro immagine attuale.
Il libro approfondisce il tema del ruolo dell’identità digitale in ambito sia personale che professionale, e si rivolge a professionisti, manager e alle figure di rilievo pubblico in generale. Ma anche alle persone comuni, perché per tutti oggi è indispensabile fare i conti con la propria identità digitale e decidere se subirla o costruirla.

Andrea Barchiesi
Andrea Barchiesi

“Tutti noi lasciamo tracce digitali, ricorda Andrea Barchiesi, ogni istante della nostra attività digitale viene tracciata e archiviata, con la possibilità di essere riprodotta in rete attraverso i social network. Stiamo ormai andando verso una capacità di memorizzazione quasi illimitata, e questa memoria è connessa in una rete. Dobbiamo prendere coscienza che la nostra identità oggi è fatta anche di ciò che facciamo o diciamo in rete. E spesso, per le ragioni più varie, si preferisce rimuovere queste tracce, perché ledono o mettono a rischio la nostra identità digitale.
E’ qui che nasce la tentazione dell’oblio, prosegue l’autore, animata dall’errata convinzione che cancellare informazioni dalla rete sia possibile e sufficiente per avere una buona identità digitale. Quando invece, al posto della rimozione, sarebbe da prediligere una gestione corretta e organizzata della propria identità digitale, così da poter aspirare ad avere una buona reputazione digitale.
Un libro di strettissima attualità, anche in considerazione delle ripercussioni che l’identità digitale di ognuno di noi potrebbero avere in ambito professionale e lavorativo.