L’epic fail di Melegatti e l’importanza di un piano editoriale social

179
Davide Sassarini
    Davide Sassarini

 

di Davide Sassarini

social media manager freelance

https://www.linkedin.com/in/davidesassarini

“Verba Volant, screenshots manent”

Ormai è un must nei social media ma non tutti sembrano averlo ancora capito.

Il caso in questione è l’ormai famosissimo epic fail di Melegatti su Facebook.  Melegatti ha pubblicato il post che vedete qui sotto:

melegatti 1

L’immagine, purtroppo, parla da sè e non c’è bisogno di ulteriori commenti se non il fatto che anche graficamente grida vendetta. Puntuali arrivano i primi commenti negativi e le primi critiche a cui l’azienda, o chi per essa, risponde non solo cancellando il post, ma pubblicandone un altro a dir poco imbarazzante. Eccolo:

melegatti 2

Anche qui ogni commento è superfluo. Infine ecco il comunicato ufficiale di scuse dell’azienda:

melegatti 3

Non c’è due senza tre: il perfetto coronamento della figuraccia, in cui in pratica si ammette: “si abbiamo una pagina facebook ma non sappiamo chi la gestisce e sopratutto non sappiamo preventivamente quello che verrà pubblicato “. Insomma completa anarchia su quello che dovrebbe essere uno dei canali più importanti e strategici per comunicare con i propri utenti.

Ecco se un giorno un cliente mi chiedesse a che cosa serve un piano editoriale sui social, senza troppi indugi mostrerei lo status di “scuse” di Melegatti

Considerazioni

Non penso che tutto questo sia una trovata pubblicitaria. Gli elementi per sospettarlo ci sarebbero pure: siamo sotto natale e il marchio coinvolto è forse il simbolo per eccellenza del Natale nostrano. Non voglio pensare, però, che Melegatti abbia bisogno di questo tipo di visibilità. E poi si sa scagliarsi contro la tematica lgbt, per fortuna, porta un pericoloso strascico di cattiva reputazione.

A mio avviso è andata così: avevano a disposizione una foto (di stock) di un uomo e una donna sotto le coperte, gli hanno photoshoppato (nemmeno troppo bene) due croissant in mano e si sono inventati una frase che fosse in qualche modo correlata alla foto…direi la prima cosa che gli è venuta in mente.

Secondo me in tutta questa vicenda, quindi, c’è solo una grossa ingenua incompetenza. Gravissima, se è vero che alla radice di questo epic fail ci sarebbe un’agenzia che dovrebbe conoscere alla perfezione lo strumento “social media”.

E’ molto emblematico, inoltre, quanto sia difficile trovare le giuste competenze in ambito social anche proprio lì dove dovrebbero trovare il loro habitat naturale.

Per completezza questa è la foto originale di stock utilizzata per creare il post incriminato

stock-photo-couple-hiding-under-duvet-enjoying-breakfast-in-bed-141037891