Sicurezza pubblica: il Giurì francese bacchetta il comune di Beziers

di Federico Unnia

Ok pubblicizzare la sicurezza ma senza incentivare la violenza e l’uso delle armi

La  campagna pubblicitaria a supporto di una delibera comunale in materia di sicurezza pubblica rientra nell’ambito delle comunicazioni che debbono rispettare le norme del codice di autodisciplina della pubblicità. Pertanto, se fanno ricorso ad immagini o rappresentazioni che possono trasmettere un contenuto di violenza contrario alle regole del codice, e quindi pericolose per una fascia di utenti, è perfettamente legittimo che se ne imponga il blocco della diffusione.

Visuel_PM_BEZIERS

E’ questo l’esito di una vertenza che ha visto il Giurì di autodisciplina pubblicitaria francese bloccare la diffusione di un poster negli spazi del comune di Beziers, con l’accusa di non essere conforme ad alcuni principi cardine della disciplina della comunicazione pubblicitaria francese.

Il display in questione presentava l’immagine di  un’arma da fuoco su fondo neutro e quindi non è di per sé una scena di violenza.  Secondo il Giurì, l’immagine della pistola in primo piano, e la dichiarazione che la polizia locale è “armato 24 ore 7 giorni 24 e 7”, è stata ritenuta tale da enfatizzare in do eccesivo il ricorso alle armi che, come è noto, possono essere usate solo in situazioni eccezionali e di grave pericolo.

Nel messaggio,  l’arma era descritto come un “amico”, che contribuisce al mantenimento dei livelli essenziali di sicurezza. Una scelta comunicativa sbagliata, che il Giurì ha ritenuto contraria a diverse norme del codice, tutte volte a non incentivare la diffusione di rappresentazioni e dichiarazioni che possano banalizzare il rapporto tra cittadini, armi e sicurezza, potendo altresì esercitare un pericoloso effetto emulativo sui più giovani.

Da qui il blocco della comunicazione. Insomma, resta sempre aperto il dibattito su diritto di difesa e ricerca di una maggiore sicurezza personale e collettiva, e rispetto di principi generali di etica nella comunicazione.