Uscita sul mercato americano la campagna adv per WhistlePig firmata da Alberto Baccari

È stata pubblicata in questi giorni la nuova campagna ad firmata da Alberto Baccari e il suo team per l’azienda di whiskey americana WhistlePig. La gara è stata vinta a gennaio. Il concept ideato in collaborazione con il copywriter newyorkese Robert Schulman, ufficializza in una sorta
di magna carta quelle che sono le qualità uniche e prestigiose di questo whiskey 100% di pura segale, prodotto nel Vermont, che lo rende così ricercato e apprezzato tra gli intenditori del settore.

WP_Letterhead_Immersion[1]

“WhistlePig è una brand a cui piace dialogare in maniera schietta e senza peli sulla lingua.” — dichiara Baccari — “Dire le cose come stanno secondo quella tradizione anglosassone
che ritroviamo in molti leaders, da George Washington fino al giovane Winston Churchill,
non sempre ritenuto molto politically correct.”

E per l’incarico di testimonial d’eccezione abbiamo scelto Mortimer Jr, figlio del maiale del logo.

“Il whiskey di segale” – aggiunge Baccari – “nasce da una tradizione che si diffonde oltreoceano durante la rivoluzione americana, per questo sia con il design dei caratteri, che con le immagini, abbiamo voluto ricreare un’atmosfera del periodo.”

WP_Letterhead_Spirit[1]

Ad Alberto Baccari, e al suo team tra Milano e New York, è stato affidato anche il restyling dell’identità del brand.

Oltre a Schulman, hanno affiancato Baccari in questo originale progetto la strategist Jenny Evangelisti, il vice direttore creativo e art director Andrea Castelletti, l’art director Juan Ricardo Hernández ed il project leader Giuseppe Laneve.

Client: WhistlePig Rye Whiskey
Client Marketing Manager: Krystal Titania Chong
Agency: Alberto Baccari (Milan, New York)
Creative Director: Alberto Baccari
Deputy Creative Director: Andrea Castelletti
Copywriter: Robert Schulman
Strategist: Jenny Evangelisti
Project Leader: Giuseppe Laneve
Art Directors: Alberto Baccari, Andrea Castelletti, Juan R. Hernández Digital Artist: Leonardo Dentico
3D: Alessandro Clener