Expo 2015: presentato il padiglione dell’Ecuador

Un padiglione alto tre piani che in 800 mq racconterà l’Ecuador al mondo. Una facciata ricca di colori, metafora della filosofia del “Buen Vivir” o “Sumak Kawsay” (in lingua Quechua), il piano terra dedicato all’accoglienza dei visitatori con uno spazio di ristorazione e un negozio dove trovare i migliori prodotti manifatturieri ecuadoriani, al primo piano una museografia immersiva farà da finestra sul Paese e permetterà ai visitatori di scoprire paesaggi e prodotti unici, infine, nel piano più alto saranno presenti gli uffici commerciali e gli spazi riservati ai business meeting.

piedone corriere 275x130 def

Lo spazio espositivo è stato creato per offrire ai visitatori un’esperienza totale che dia la possibilità di calarsi nella ricchezza di paesaggi ecuadoriani e promuovere la cultura del “Buen Vivir” nel rispetto dell’ambiente e della biodiversità. Così, la visita del Padiglione, sia nella parte museografica sia in quella commerciale e il programma delle attività saranno all’insegna della linea evolutiva, che negli anni ha regalato all’Ecuador di una biodiversità unica al mondo, e nella visione del suo sviluppo sostenibile in un connubio armonioso tra passato e futuro.

Per i sei mesi di Expo, il padiglione dell’Ecuador avrà per questo un testimonial d’eccezione: Boobie, una mascotte ispirata all’uccello Sula piediazzurri, specie unica proveniente dalle Galapagos che sintetizza alla perfezione i concetti di evoluzione e sviluppo sostenibile che l’Ecuador vuole trasmettere al mondo.

Leagas Delaney Italia cura la parte di comunicazione, eventi e ufficio stampa.

Alla campagna hanno lavorato: Direttori Creativi Esecutivi: Stefano Campora, Stefano Rosselli

Art Director: Cinzia Pallaoro, Barbara Gangemi

Copywriter: Valentina Barone

Graphic and Web Designers: Alessio Bichi, Stefano Castiello