Canton Ticino, industria batte banca. Rapporto IRE e guida Diacron Press

156

copertina_ComeFareAffariInSvizzeraCantonTicino (422x640)Il settore secondario trainerà la finanza in Canton Ticino: è ciò che emerge da un recente studio realizzato dall’Istituto di Ricerche Economiche (IRE) dell’Università della Svizzera Italiana, che propone una strategia di sviluppo secondo la quale l’industria, in particolare nei macro-settori moda, biotecnologie, meccanotronica e turismo, è destinata a influire sull’economia ticinese molto di più rispetto alle banche. La proposta dell’IRE per un Ticino «aperto, attrattivo e competitivo» conferma quanto già anticipato dalla guida “Come fare affari in Svizzera – Canton Ticino” pubblicata in formato ebook da Diacron Press, marchio editoriale della società di consulenza contabile e fiscale internazionale Diacron Group. Lo scenario che si presenta è quello di una nazione dal volto commerciale e industriale, ai primi posti nel mondo per competitività, efficienza del mercato del lavoro, livello delle infrastrutture, ricerca scientifica e tecnologica, potere d’acquisto delle retribuzioni.

«La strategia proposta per il futuro è la conferma del trend in atto ormai da qualche anno, con la riconversione del settore finanziario/bancario che è diventata una necessità più che una libera scelta» commenta Stefano Galvano, consulente di Diacron a Lugano e coautore della guida insieme a Rotilio Puzo. «Il cambiamento di pelle sarà radicale sia nella tipologia di impresa che nelle modalità del “fare impresa”. Ci si troverà di fronte ad uno scenario sempre più competitivo con la Svizzera che non sarà più chiamata  ad agire ai margini del sistema Europa, sfruttando di fatto un mercato protetto,  ma  che dovrà cercare di inserirsi nell’ambito di un mercato altamente concorrenziale. La Svizzera dovrà quindi  sviluppare le competenze e le efficienze  che le permettano di sopperire al venir meno delle  rendite di posizione di cui fino ad ora poteva godere».

La Svizzera offre molti vantaggi a chi voglia intraprendere un’attività economica: posizione strategica favorevole al centro dell’Europa, manodopera specializzata e competitiva unita a  un’avanzata normativa sul lavoro flessibile, pressione fiscale moderata. Il Canton Ticino in particolare presenta specifici vantaggi competitivi. Qui con il progetto Copernico, un’iniziativa di marketing territoriale che ha l’obiettivo di promuovere l’immagine del Canton Ticino come luogo di insediamento di nuove imprese, sono state seguite centinaia di aziende, la metà delle quali italiane.

Con lo schema di 100 domande e 100 risposte la guida di Diacron Press descrive la realtà culturale ed economica svizzera, costituita per il 99,7% da un tessuto di piccole medie imprese, simile a quello italiano, e forniscono informazioni tecniche indispensabili per iniziare il proprio business: che tipo di struttura societaria scegliere, quali sono le norme in materia di dazi doganali, in che modo si tutelano marchi e brevetti, quali sono le caratteristiche del sistema fiscale, gli obblighi contabili e le norme sul lavoro e, ancora, l’iter legislativo per ottenere permessi di lavoro e cittadinanza.