“Birdman” vola sugli Oscar. Una statuetta alla italiana Canonero per i migliori costumi

Un assaggio si era avuto dai Golden Globe. E la conferma è arrivata puntuale nella notte degli Oscar che ha visto trionfare “Birdman”. Il film di Alejandro Gonzales Innaritu sul percorso di un attore sul viale. Oltre al miglior film, Birdman si è aggiudicato altre 3 statuette ‘pesanti’: la miglior regia, la migliore sceneggiatura originale e la fotografia. 87th Annual Academy Awards - ShowNon ce l’ha fatta il protagonista Michael Keaton: il premio è andato a Eddie Redmayne per la sua interpretazione del fisico affetto da Sla Stephen Hawking, in “La Teoria del tutto”. redmayneCome miglior attrice, secondo pronostico, è stata premiata Julianne Moore per “Still Alice”.Julianne Moore Entrambi gli attori premiati si sono confrontati con il ruolo di personaggi malati, il primo con la Sla e la seconda con l’Alzheimer. Ed entrambi hanno rimarcato in modo toccante nel discorso di accettazione del premio il valore sociale e non solo artistico delle opere che li hanno visti protagonisti.Quattro Oscar su nove nomination anche per “The Grand Budapest Hotel” di Wes Anderson, che ha regalato l’unica soddisfazione all’Italia con l’Oscar assegnato per i migliori costumi a Milena Canonero, alla sua quarta statuetta dopo quelle ricevute per “Maria Antonietta”, “Barry Lindon” e “Momenti di Gloria”.Milena Canonero All’opera di Wes Anderson sono andati i riconoscimenti più ‘tecnici’. Tra questi, la colonna sonora di Alexandre Desplat, candidato anche per le musiche di “The Imitation Game”, e autore delle musiche del prossimo fil di Matteo Garrone.Tre Oscar (su cinque nomination) sono andati invece a “Whiplash” (tra cui quelli al miglior attore non protagonista J.K. Simmons e al montaggio di Tom Cross). Grande delusione per “The Imitation Game”, che su otto nomination ha portato a casa una sola statuetta, quella per la sceneggiatura non originale andata a Graham Moore. Anche per “Boyhood”, un solo Oscar su sei candidature, quello alla migliore attrice non protagonista Patricia Arquette. Stessa sorte per “American Sniper”, con protagonista Bradley Cooper e Clint Eastwood alla regia: su sei nomination si è dovuto accontentare del solo Oscar al miglior montaggio sonoro.

Gaffe dell’Academy su Francesco Rosi, dimenticato nel tradizionale filmato “in memoriam” che ricorda nella Notte degli Oscar tutte le figure di spicco mancate nell’ultimo anno. Hollywood non si è scordata invece di Virna Lisi che è apparso al fianco dei molti colleghi scomparsi quest’anno, da Robin Williams ad Bob Hopkins.

L’Oscar per il miglior documentario è stato assegnato a “CitizenFour” di Laura Poitras, Mathilde Bonnefoy e Dirk Wilutzky, che racconta la storia di Edward Snowden e dello scandalo della National Security Agency.

Tra i momenti più intensi della Notte degli Oscar 2015, John Legend che è salito sul palco per cantare ‘Glory’, la canzone originale scritta con Common per il film “Selma”. I due commuovono tutti, ricevono una standing ovation quando ricordano che 47 anni fa gli Oscar vennero rimandati in segno di lutto per l’uccisione di Martin Luther King e poco dopo vengono annunciati come vincitori dell’Oscar per la miglior canzone originale. Al momento di ritirare il premio, con i loro nomi originali, ovvero John Stephens a Lonnie Lynn, i due dedicano il premio alla “lotta per la giustizia” ancora così attuale, visto che “ci sono più persone di colore nelle nostre prigioni oggi che schiavi nel 1850 e noi sappiamo che siete là e marciamo per voi”.

Standing ovation anche per Lady Gaga, ospite della serata per un omaggio ai 50 anni di “Tutti insieme appassionamente”, che viene applaudita sul palco anche da un’emozionata Julie Andrews.

Toccante anche la premiazione di Graham Moore che ha vinto l’Oscar per la miglior sceneggiatura non originale con l’adattamento di “The Imitation Game”. Il giovane sceneggiatore ha detto con gli occhi lucidi: “Quando avevo 16 anni ho cercato di uccidermi perché mi sentivo diverso ed ora sono qui. Volevo dire questo a tutti quelli che si sentono fuori posto che prima o poi arriva il turno della gloria per tutti”.

La dedica del trionfatore Inarritu è invece per gli immigrati: il regista messicano nell’acceptance speech dell’Oscar più importante, quello al miglior film, ha voluto omaggiare “le persone che vivono in questo paese e fanno parte dell’ultima generazione di immigrati, che possano essere trattati con uguale dignità delle altre generazioni che sono arrivate qui prima di loro e che hanno creato questa fantastica nazione di immigrati”.

TUTTI I CANDIDATI E I VINCITORI

  • FILM
    AMERICAN SNIPER
    BIRDMAN
    BOYHOOD
    GRAND BUDAPEST HOTEL
    THE IMITATION GAME
    SELMA
    LA TEORIA DEL TUTTO
    WHIPLASH
  • ATTORE PROTAGONISTA
    Steve Carell in FOXCATCHER
    Bradley Cooper in AMERICAN SNIPER
    Benedict Cumberbatch in THE IMITATION GAME
    Michael Keaton in BIRDMAN
    Eddie Redmayne in LA TEORIA DEL TUTTO
  • ATTRICE PROTAGONISTA
    Marion Cotillard in DUE GIORNI, UNA NOTTE
    Felicity Jones in LA TEORIA DEL TUTTO
    Julianne Moore in STILL ALICE
    Rosamund Pike in GONE GIRL
    Reese Witherspoon in WILD
  • REGIA
    BIRDMAN – Alejandro G. Iñárritu
    BOYHOOD – Richard Linklater
    FOXCATCHER – Bennett Miller
    GRAND BUDAPEST HOTEL – Wes Anderson
    THE IMITATION GAME – Morten Tyldum
  • ATTORE NON PROTAGONISTA
    Robert Duvall in THE JUDGE
    Ethan Hawke in BOYHOOD
    Edward Norton in BIRDMAN
    Mark Ruffalo in FOXCATCHER
    K. Simmons in WHIPLASH
  • ATTRICE NON PROTAGONISTA
    Patricia Arquette in BOYHOOD
    Laura Dern in WILD
    Keira Knightley in THE IMITATION GAME
    Emma Stone in BIRDMAN
    Meryl Streep in INTO THE WOODS
  • COSTUMI
    GRAND BUDAPEST HOTEL – Milena Canonero
    VIZIO DI FORMA – Mark Bridges
    INTO THE WOODS – Colleen Atwood
    MALEFICENT – Anna B. Sheppard and Jane Clive
    TURNER – Jacqueline Durran
  • TRUCCO
    FOXCATCHER – Bill Corso and Dennis Liddiard
    GRAND BUDAPEST HOTEL – Frances Hannon and Mark Coulier
    GUARDIANI DELLA GALASSIA – Elizabeth Yianni-Georgiou and David White
  • DOCUMENTARIO (CORTOMETRAGGIO)
    CRISIS HOTLINE: VETERANS PRESS 1 – Ellen Goosenberg Kent and Dana Perry
    JOANNA – Aneta Kopacz
    OUR CURSE – Tomasz Sliwinski and Maciej Slesicki
    THE REAPER (LA PARKA) – Gabriel Serra Arguello
    WHITE EARTH – J. Christian Jensen
  • FILM STRANIERO
    IDA – Polonia
    LEVIATHAN – Russia
    TANGERINES – Estonia
    TIMBUKTU – Mauritania
    STORIE PAZZESCHE – Argentina
  • CORTOMETRAGGIO LIVE ACTION
    AYA – Oded Binnun and Mihal Brezis
    BOOGALOO AND GRAHAM – Michael Lennox and Ronan Blaney
    BUTTER LAMP (LA LAMPE AU BEURRE DE YAK) – Hu Wei and Julien Féret
    PARVANEH – Talkhon Hamzavi and Stefan Eichenberger
    THE PHONE CALL – Mat Kirkby and James Lucas
  • SONORO
    AMERICAN SNIPER – John Reitz, Gregg Rudloff and Walt Martin
    BIRDMAN – Jon Taylor, Frank A. Montaño and Thomas Varga
    INTERSTELLAR – Gary A. Rizzo, Gregg Landaker and Mark Weingarten
    UNBROKEN – Jon Taylor, Frank A. Montaño and David Lee
    WHIPLASH – Craig Mann, Ben Wilkins and Thomas Curley
  • MONTAGGIO DEL SUONO
    AMERICAN SNIPER – Alan Robert Murray and Bub Asman
    BIRDMAN Martín Hernández and Aaron Glascock
    LO HOBBIT: LA BATTAGLIA DELLE CINQUE ARMATE – Brent Burge and Jason Canovas
    INTERSTELLAR – Richard King
    UNBROKEN – Becky Sullivan and Andrew DeCristofaro
  • EFFETTI VISIVI
    CAPTAIN AMERICA: THE WINTER SOLDIER – Dan DeLeeuw, Russell Earl, Bryan Grill and Dan Sudick
    APES REVOLUTION: IL PIANETA DELLE SCIMMIE – Joe Letteri, Dan Lemmon, Daniel Barrett and Erik Winquist
    GUARDIANI DELLA GALASSIA – Stephane Ceretti, Nicolas Aithadi, Jonathan Fawkner and Paul Corbould
    INTERSTELLAR – Paul Franklin, Andrew Lockley, Ian Hunter and Scott Fisher
    X-MEN: GIORNI DI UN FUTURO PASSATO – Richard Stammers, Lou Pecora, Tim Crosbie and Cameron Waldbauer
  • CORTOMETRAGGIO ANIMATO
    THE BIGGER PICTURE – Daisy Jacobs and Christopher Hees
    THE DAM KEEPER – Robert Kondo and Dice Tsutsumi
    FEAST – Patrick Osborne and Kristina Reed
    ME AND MY MOULTON – Torill Kove
    A SINGLE LIFE – Joris Oprins
  • FILM D’ANIMAZIONE
    BIG HERO 6 – Don Hall, Chris Williams e Roy Conli
    BOXTROLLS – LE SCATOLE MAGICHE – Anthony Stacchi, Graham Annable e Travis Knight
    DRAGON TRAINER 2 –  Dean DeBlois e Bonnie Arnold
    SONG OF THE SEA – Tomm Moore e Paul Young
    LA STORIA DELLA PRINCIPESSA SPLENDENTE – Isao Takahata and Yoshiaki Nishimura
  • SCENOGRAFIE
    GRAND BUDAPEST HOTEL – Production Design: Adam Stockhausen; Set Decoration: Anna Pinnock
    THE IMITATION GAME – Production Design: Maria Djurkovic; Set Decoration: Tatiana Macdonald
    INTERSTELLAR – Production Design: Nathan Crowley; Set Decoration: Gary Fettis
    INTO THE WOODS – Production Design: Dennis Gassner; Set Decoration: Anna Pinnock
    TURNER – Production Design: Suzie Davies; Set Decoration: Charlotte Watts
  • FOTOGRAFIA
    BIRDMAN – Emmanuel Lubezki
    GRAND BUDAPEST HOTEL – Robert Yeoman
    IDA – Lukasz Zal and Ryszard Lenczewski
    TURNER – Dick Pope
    UNBROKEN – Roger Deakins
  • MONTAGGIO
    AMERICAN SNIPER – Joel Cox and Gary D. Roach
    BOYHOOD – Sandra Adair
    GRAND BUDAPEST HOTEL – Barney Pilling
    THE IMITATION GAME – William Goldenberg
    WHIPLASH – Tom Cross
  • DOCUMENTARIO (LUNGOMETRAGGIO)
    CITIZENFOUR – Laura Poitras, Mathilde Bonnefoy and Dirk Wilutzky
    FINDING VIVIAN MAIER – John Maloof and Charlie Siskel
    LAST DAYS IN VIETNAM – Rory Kennedy and Keven McAlester
    IL SALE DELLA TERRA – Wim Wenders, Juliano Ribeiro Salgado and David Rosier
    VIRUNGA Orlando von Einsiedel and Joanna Natasegara
  • CANZONE ORIGINALE
    EVERYTHING IS AWESOME da THE LEGO MOVIE – musica e testi di Shawn Patterson
    GLORY da SELMA – musica e testi di John Stephens e Lonnie Lynn
    GRATEFUL da BEYOND THE LIGHTS – musica e testi di Diane Warren
    I’M NOT GONNA MISS YOU da GLEN CAMPBELL… I’LL BE ME – musica e testi di Glen Campbell e Julian Raymond
    LOST STARS da BEGIN AGAIN – musica e testi di Gregg Alexander e Danielle Brisebois
  • COLONNA SONORA
    GRAND BUDAPEST HOTEL – Alexandre Desplat
    THE IMITATION GAME – Alexandre Desplat
    INTERSTELLAR – Hans Zimmer
    TURNER – Gary Yershon
    LA TEORIA DEL TUTTO – Jóhann Jóhannsson
  • SCENEGGIATURA ORIGINALE
    BIRDMAN – scritto da Alejandro G. Iñárritu, Nicolás Giacobone, Alexander Dinelaris, Jr. & Armando Bo
    BOYHOOD – scritto da Richard Linklater
    FOXCATCHER – scritto da E. Max Frye e Dan Futterman
    GRAND BUDAPEST HOTEL – scritto da Wes Anderson; storia di Wes Anderson & Hugo Guinness
    NIGHTCRAWLER – LO SCIACALLO – scritto da Dan Gilroy
  • SCENEGGIATURA NON ORIGINALE
    AMERICAN SNIPER – scritto da Jason Hall
    THE IMITATION GAME – scritto da Graham Moore
    VIZIO DI FORMA – scritto da Paul Thomas Anderson
    LA TEORIA DEL TUTTO – scritto da Anthony McCarten
    WHIPLASH – scritto da Damien Chazelle