MediaEngine firma la piattaforma digitale per i progetti speciali della Gazzetta dello Sport

35

Ideare nuove modalità per diffondere in modo ancora più coinvolgente l’informazione sportiva. Questo l’obiettivo del progetto realizzato dalla digital agency milanese MediaEngine per La Gazzetta dello Sport. Il risultato è stata la realizzazione di una piattaforma multimediale in grado di sfruttare tutte le potenzialità dei canali digitali valorizzando i contenuti, sia testuali che multimediali, e offrendo al lettore un’esperienza di navigazione immersiva e impattante.Speciale_Mondiali2014_1

Al fine di fornire alla redazione di Gazzetta dello Sport uno strumento agile e facile da utilizzare da parte delle redazioni MediaEngine ha ideato e realizzato ad hoc alcuni template di storytelling interattivi e multimediali. I template sono stati progettati in modo tale da poter essere utilizzati da giornalisti e redattori in maniera autonoma, con la possibilità di modificare i singoli moduli ed assemblarli tra loro attraverso i comuni strumenti della suite Adobe. Ciascun modulo viene predisposto in diversi formati per proporre automaticamente il contenuto e le modalità di interazione più adatte al contesto di riproduzione: tipo di dispositivo, dimensioni dello schermo, performance, modalità di interazione (touch o meno). Gli speciali, di volta in volta costruiti secondo specifiche esigenze editoriali, possono così essere pubblicati sia all’interno del sito web responsive della Gazzetta dello Sport sia sulla APP GOLD Digital Edition, in versione Android che iOS.

La nuova piattaforma è stata utilizzata da La Gazzetta dello Sport per realizzare speciali editoriali dedicati ai più importanti avvenimenti sportivi da questa estate ad oggi, partendo dalle partite dei mondiali di calcio Brasile 2014 e proseguendo con Wimbledon, le tappe del giro d’Italia, il GP di Monza e molto altro ancora.

“Da circa un anno – ha spiegato Luca De Carli – stiamo lavorando sulla user experience di progetti editoriali digitali, elaborando modi innovativi per la fruizione dei contenuti. Il progetto in corso con La Gazzetta dello Sport è molto stimolante per i contenuti di alto livello a disposizione, in grado di valorizzare le nostre soluzioni. L’ottimizzazione della piattaforma per i progetti speciali continua nell’ottica di una sempre maggiore flessibilità e facilità di utilizzo, e una sempre maggiore capacità di coinvolgimento e impatto sui lettori ”.

“Quando ti chiedono di occuparti della produzione multimediale di un giornale come La Gazzetta dello Sport dopo dodici anni di carta stampata – conclude Thomas Rossi, caposervizio e responsabile creativo area digital La Gazzetta dello Sport – ti rendi conto di aver bisogno di una mano. E MediaEngine è il partner perfetto per una redazione. È stata una vera e propria educazione digitale, dove per educare si intende condurre verso. Verso cosa? Verso il design, la funzionalità, la gestione del flusso redazionale. Grazie a loro siamo riusciti a creare un sistema editoriale solido e intuitivo, che consente di disegnare un giornale digitale in completa autonomia. Finalmente il buon gusto, e l’approccio responsive, non uccidono la creatività”.