Lettera Aperta di Fulvio Zendrini agli Sponsors di Tavecchio

552
Fulvio Zendrini
  Fulvio Zendrini

Basta.

Non se ne può più’.

E non di Carlo Tavecchio, a questo punto: non possiamo fare più’ nulla.

Questa elezione ha definitivamente compromesso quel poco che restava dell’immagine del calcio italiano.

Sono stato il Responsabile della comunicazione di TIM, ho “creato” la sponsorizzazione delle singole squadre e del Campionato di Serie A.

Ho amato il calcio non tanto come disciplina sportiva, ma come fenomeno mediatico, di comunicazione di massa.

Ho cercato di capire come esaltarne al meglio le doti di “partecipazione”, di “community”, di comprenderne e utilizzare in favore del mio brand gli aspetti valoriali.

Oggi, tutto questo è nulla.

Distrutto.

Decapitato.

Per favorire in Lega il guadagno di alcuni, si è rovinata l’immagine dello sport di molti, moltissimi…milioni.

Un capo che parla di banane.

Che non distingue una gaffe da un insulto razzista.

A cosa siamo ridotti, per gestire, comandare, far soldi.

Ma, sempre ligio al mio compito di critico di comunicazione, un suggerimento ce l’ho.

E per questo, dopo l’ultima Lettera Aperta a Barilla, scrivo ora questa lettera aperta, che vi prego di diffondere, agli Sponsors di Tavecchio.

Ma attenzione… non cadete in tranello.

Gli Sponsors di cui parlo non sono quelli che hanno voluto la sua elezione e l’hanno votato.

Inutile sarebbe: sanno benissimo cio’ che hanno fatto e le malefatte che ne seguiranno.

Le vogliono.

Se le sono andati a cercare.

Sto parlando agli Sponsors veri, quelli con la ESSE maiuscola:

Telecom, Fly Emirates (13,80 mln) , Adidas (20 mln), Pirelli (13,20) e Nike (18,20) Jeep e Macron ,Lete – Msc( 17,20 milioni di euro), Mapei (11 Milioni ) …e a quelli della Nazionale , Puma, Tim, Fiat. Generali, TIM, Nutella, IP, Segafredo, Uliveto, Alitalia, fino a Dolce e Gabbana.

E a tutti quelli che non ho citato.

Bene, poche cose nella vita so fare, ma una si: comunicare.

E quindi scegliere la comunicazione che funziona da quella dannosa e controproducente.

E quindi…

E quindi vi dico Basta, fine, stop!!

Fate l’unica cosa che temono e per cui vi ascolteranno .

Tagliate tutti i vostri contratti di Sponsorhip.

Toglietegli di sotto la sedia questa massa di milioni di Euro, perché capiscano l’assurdità che hanno compiuto.

Ma più’ di ogni altra cosa, difendete la Vostra immagine e l’immagine della Vostra Azienda , non confondetela con questa massa di affaristi che certo non son li’ per farvi aver successo.

Combatteteli con l’unica arma che gli fa male: togliete loro i soldi !!!

E , se volete, fate delle donazioni ai mille campi sotto casa, rifategli il manto erboso, rifate le gradinate, comprate delle divise e delle sacche nuove ai ragazzi che giocano li’.

Sponsorizzate, certo !

E scriveteci sopra “ Donata da Azienda XY: A noi piacciono le BANANE” !

…alla faccia di Tavecchio…ma soprattutto di tutti loro !

Condividete e postate dove volete.