Fare e-commerce in Svizzera: un’opportunità per il digital business

160

Opportunità e vantaggi nel fare e-commerce sul mercato interno elvetico e dalla Svizzera verso il resto del mondo. Questo in sintesi il ‘concept’ del seminario organizzato da NetComm Suisse, associazione che riunisce gli operatori elvetici del commercio elettronico e della comunicazione digitale. Un appuntamento nuovo nel suo genere, che intende rivolgersi ad aziende e imprenditori che vogliono trovare ulteriori spazi di mercato sia locale che internazionale, ma al contempo vogliono poter operare in tutta trasparenza e tranquillità, usufruendo di benefici amministrativi e provare a trovare venture capital o incubatori disposti a credere e investire nei loro progetti.

Se osserviamo lo scenario di riferimento, gli abitanti della Svizzera sono poco meno di 8 milioni, ma 6,3 milioni utilizzano Internet e più di 5 milioni sono gli e-shopper – commenta Alessandro Marrarosa, Presidente di NetComm Suisse. Le vendite online sono cresciute (anno/anno) del 15,5% nel 2012 e del 12,1% nel 2013:  il fatturato 2013 dell’e-commerce è stato pari a 10,2 miliardi di euro, di cui circa il 40% è spalmato sui prodotti e il 60% sui servizi. La spesa media per ogni singolo e-shopper è stata nel 2012 di 1.750 euro, mentre nel 2010 il valore medio per scontrino elettronico emesso era di 109 franchi, diventati 124,5 nel 2012”. I dati citati da Marrarosa sono contenuti in una ricerca promossa dall’Osservatorio NetComm Suisse e co-finanziata da PostFinance e Accenture.

In Svizzera quasi l’80% delle imprese con almeno 10 dipendenti effettua acquisti online. E secondo un’analisi effettuata da NetComm Suisse su un campione di e-shop sulle tendenze del commercio elettronico in Svizzera evidenzia come sia nel 2011 che nel 2012 i nuovi shop online attivati hanno avuto una crescita superiore al 25%: oltre il 70% delle nuove aperture è rappresentato da aziende di piccole dimensioni.

Il fatturato degli e-shop sul campione analizzato ha fatto registrare una costante crescita: da quasi 48 mila franchi nel 2010 a oltre 91 mila nel 2012. In crescita anche la media delle transazioni che passano da 434 del 2010 a 731 nel 2012 (erano poco meno di 600 nel 2011).

Le previsioni per 2014, secondo un’indagine informale condotta dall’osservatorio NetComm Suisse tra i propri associati, indicano una crescita 2014 superiore allo scorso anno e un numero di operatori nel mercato in forte crescita.

Nel corso del Workshop che come NetComm Suisse organizziamo per la prima volta –continua Alessandro Marrarosa – analizziamo in profondità il valore del mercato, le tendenze principali e le opportunità offerte dall’e-commerce e dal mercato digitale elvetico. Possiamo dare agli imprenditori ospiti un’idea dei vantaggi fiscali dell’e-commerce in Svizzera in termini di imposte dirette e indirette (regime fiscale svizzero, corporate income tax, IVA), ma anche mostrare l’accessibiltà ai servizi, la semplificazione delle procedure burocratiche, le infrastrutture e gli uffici che abbiamo a nostra disposizione a Chiasso. Di fondamentale importanza sono anche i processi di selezione e le opportunità di finanziamento per Start-Up e Aziende innovative che possiamo mettere in campo, congiuntamente alla presentazione del Tecnopolo. Infine, approfondiamo anche i temi inerenti a come gestire la logistica transfrontaliera, le questioni doganali per il commercio elettronico dalla Svizzera verso l’estero, oltre a  come gestire i pagamenti online e riconoscere le frodi internazionali in Svizzera, con un focus specifico su protezione dati, datacenter performances, housing e hosting in Svizzera” .