…E Del Marketing?…Vogliamo parlarne? (il mktg non convenzionale)

538

di Alberto Gorrani

Dunque, effettivamente dopo anni, decenni, di pubblicità i consumatori (consumers) si sarebbero ormai abituati all’advertising classico e quindi risulterebbero meno influenzabili.Con il Marketing Non Convenzionale, grazie alle sue caratteristiche peculiari, si vorrebbe attirare nuovamente l’attenzione del pubblico.Il Mktg Non Convenzionale è un insieme di tecniche di comunicazione, di strategie promozionali, che sfruttano e valorizzano nuovi metodi di comunicazione; queste tecniche puntano soprattutto alla sperimentazione, proponendo i prodotti in modo più creativo ed alternativo divenendo anche intrattenimento e/o informazione ciò per rimediare all’assuefazione da Mktg tradizionale.Avendo come obiettivo il coinvolgimento dei consumatori, per il Mktg si rende assolutamente necessario comprendere meglio il linguaggio del suo pubblico e realizzare una forma di pubblicità piacevole e compatibile con i valori del target che desidera raggiungere; a questo punto si innescherà una forma di passaparola, fondamentale per il Marketing Non Convenzionale che funzionerà veramente solo quando sarà “fuori dal comune”.Esempi di Marketing Non ConvenzionaleGUERRILLA MKTG, definizione coniata dal pubblicitario americano Jay Conrad Levinson nel 1984 rapporta la propria identità con azioni tattiche, veloci, inaspettate ed a basso budget che si indirizzano all’immaginario degli utenti utilizzando in modo creativo, mezzi e strumenti aggressivi. L’obiettivo è quello di costruire azioni sorprendenti e notiziabili tali daavviare il passaparola.VIRAL MKTG, è finalizzato a veicolare in modo virale un messaggio da pochi soggetti ad un numero esponenziale di consumatori finali. Si tratta di un’idea forte ed originale che riesce ad espandersi velocemente come un virus, appunto, in una data popolazione grazie al principio del passaparola con costi contatto molto bassi; l’operazione nasce con la fase del Seeding (inseminazione) cioè con l’innesto del processo di diffusione del messaggio e finisce con la fase di Tracking che monitora l’efficacia della campagna.STREET MKTG, è una forma di comunicazione spesso itinerante, l’animazione, la promozione vengono svolte direttamente nelle strade o nelle piazze che diventano dei palcoscenici dove mettere in scena azioni divertenti e coinvolgenti. Spesso tutto ciò è finalizzato alla distribuzione di sampling o allo stickering.BUZZ MKTG, buzz è una espressione onomatopeica che richiama il ronzio delle api e rappresenta tutte quelle azioni volte ad aumentare l’attenzione di un pubblico verso un particolare tema o prodotto o servizio. Ciò accresce la notorietà e la reputazione di un brand perché grazie al passaparola, generalmente tramite internet, si raggiunge nel minor tempo possibile un gruppo di utenti interessati (sciame).AMBIENT MKTG, ha come obiettivo il raggiungimento di un target al di fuori dei comuni canali di vendita, nel proprio ambiente quando il relax dovuto all’allontanamento del martellamento pubblicitario rende il messaggio più recepibile. Vengono utilizzati ambienti fisici pubblici stimolanti ed efficaci quindi funzionali all’obiettivo in quanto inaspettati e decontestualizzati. Si tratta di uno strumento fortemente notiziabileed a basso budget.AMBUSH MKTG, è una espressione anglosassone che indica l’unione di una marca ad un evento mediatico realizzata in modo non autorizzato, ciò avviene quando questa non fa parte degli sponsor ufficiali;si può parlare quindi di una intrusione, di un inserimento non ufficiale di un brand in un evento in modo gratuito/”illegale” che ne ricava quindi dei vantaggiindebitamente.
©RIPRODUZIONE RISERVATA