VOX DIRITTI, lancia la Mappa dell’Intolleranza,

VOX , Osservatorio italiano sui Diritti lancia la Mappa dell’Intolleranza che, attraverso la mappatura dei tweet contenenti parole sensibili a rischio intolleranza,  riconosce  le zone con un più alto livello di razzismo, omofobia, odio verso le donne, discriminazione nei confronti delle persone diversamente abili.

Stampa

Il progetto è realizzato in collaborazione con il Dipartimento di Informatica dell’Università degli studi di Bari Aldo Moro, l’Università degli studi di Milano e la Facoltà di Medicina e Psicologiadell’Università La Sapienza di Roma, con la supervisione di Vittorio Lingiardi, professore di Psicologia dinamica.

Un progetto ambizioso, realizzato per la prima volta in Italia sul modello della Hate Map della Humboldt State University della California.

Anche per il reperimento delle risorse necessarie a portare a termine il progetto, si è scelta una strada innovativa: verrà infatti lanciata una raccolta fondi attraverso la piattaforma di crowdfunding www.limoney.it.

Il tema dell’intolleranza in Italia, e della correlazione stretta tra l’uso di un certo linguaggio e l’insorgere di episodi violenti, è purtroppo oggi di strettissima attualità.

Solo nel 2013,  6.743.000 sono state le donne vittime di abusi fisici o sessuali, 1 gay su 4 è stato vittima di violenza  (20.000 richieste di aiuto pervenute al Gay Center),  mentre il 45% dei giovani si considera xenofobo o diffida degli stranieri.

In questo scenario, i social network giocano un ruolo non indifferente nell’alimentare sentimenti e parole di intolleranza e di odio verso il prossimo.

Per questo motivo, VOX ha deciso di dar vita alla Mappa dell’Intolleranza, con un progetto che mira a coinvolgere proprio Twitter, il social network che, con i suoi 140 caratteri, più di tutti gli altri si avvale dell’uso della parola. Una parola che, a volte, può diventare una vera e propria arma contro chi è diverso.

La Mappa dell’Intolleranza é uno strumento utile per tutti, dai privati alle Istituzioni, per avere un quadro completo ed esaustivo delle aree più sensibili.