Claudio Andrea Gemme eletto Presidente Anie

Claudio Andrea Gemme è il nuovo Presidente di Confindustria Anie. L’Assemblea di Anie, la Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche aderente a Confindustria, riunita oggi a Milano, ha proceduto all’elezione di Gemme su proposta della Giunta. Gemme succede a Guidalberto Guidi, eletto nel 2007.

La crisi ha avuto il merito di ricollocare in primo piano il manifatturiero rivalutandone il ruolo di volano dello sviluppo del nostro Paese – dichiara il Presidente di Confindustria Anie Claudio Andrea Gemme. Un comparto industriale forte e radicato nel territorio è il prerequisito per uscire dall’impasse della crescita zero che affligge l’economia italiana. Il mio auspicio è che si arresti la tendenza che ha visto molti Paesi europei perdere negli ultimi anni componenti importanti dell’attività industriale, in particolare nella base produttiva.  Se nell’ultimo anno la parola d’ordine è stata “esportare”, da oggi dovrà diventare imperativo categorico fare rete, per proporci sui mercati internazionali non come singoli imprenditori, ma come un sistema industriale coeso, capace di creare relazioni forti e vicine alla committenza locale. Il mio impegno come Presidente di Confindustria Anie sarà rivolto a valorizzare il concetto di indipendenza della componente tecnologica nel rapporto con la committenza nelle grandi opere pubbliche e private, operando affinché venga riconosciuto pienamente il ruolo abilitante e migliorativo delle tecnologie. Perché questo accada – prosegue Gemme – è importante accrescere le relazioni virtuose all’interno della filiera, con i più autorevoli rappresentanti dei settori a monte e a valle”.

Per rispondere preparati alle sfide sempre più pressanti che provengono dal mercato occorre investire in formazione. Lavorerò nel corso del mio mandato affinché si diffonda una percezione condivisa dell’importanza del sapere, in particolare di quello tecnologico e scientifico, come leva di competitività. Alla valorizzazione della formazione – prosegue Gemmedeve affiancarsi in un’ottica di più ampio respiro l’attenzione al tema della legalità, che è innanzitutto educazione all’etica e cultura delle regole nel fare impresa. Infine – conclude il nuovo Presidente – intendo rafforzare il ruolo di Confindustria Anie in Europa, sede dove si prendono le decisioni strategiche che condizioneranno le politiche del futuro. Non va dimenticato che negli ultimi anni driver importanti per i nostri settori, come lo sviluppo sostenibile e l’efficienza energetica, sono divenuti essi stessi assi portanti della policy europea. Le tecnologie Anie sono le protagoniste del processo che porterà alla costruzione di un’Europa più sostenibile”.