Bankitalia sui pagamenti elettronici – proposta commento SisalPay

89

Senza titolo2Secondo i dati divulgati oggi da Bankitalia e in particolare nel rapporto “La Sepa e i suoi riflessi sul sistema dei pagamenti italiano”, in Italia l’uso del contante è nettamente preferito ai più moderni strumenti di pagamento. Nel 2012, infatti, ben l’83% delle transazioni complessive è stato eseguito in contante (la media europea è del 65%) e il numero delle operazioni pro capite annue effettuate con strumenti di pagamento diversi dal contante sono solo 71 (187 è la media europea e 194 quella dell’area euro). Per favorire la diffusione dell’utilizzo dei pagamenti elettronici nel nostro Paese, Maurizio Santacroce, Direttore della Business Unit Digital Games & Services di Sisal, commenta:

“Secondo i dati evidenziati da Bankitalia, il nostro Paese è agli ultimi posti in merito all’uso dei pagamenti elettronici, ma ha grandi potenzialità di crescita, soprattutto se si guarda al futuro della moneta elettronica – dichiara Maurizio Santacroce, Direttore Divisione Digital Games & Services Sisal -. Nel 2013, secondo una nostra recente indagine, ben l’87% degli italiani si dichiara favorevole all’utilizzo di strumenti più moderni, con un trend di crescita. Bisogna quindi investire nell’infrastruttura tecnologica e oltre a quanto già previsto per la digitalizzazione delle Pubbliche amministrazioni, che entro il 31 dicembre 2015 dovranno essere in regola, è necessario affiancare anche quelli provenienti da soggetti privati. Solo in questo modo si possono ottenere risultati soddisfacenti e in questo ambito SisalPay ha previsto un forte investimento sulla propria rete per consentire ai cittadini di effettuare pagamenti utilizzando le carte di credito, debito e bancomat. Un passo che porterà la moneta elettronica nella vita quotidiana degli italiani”.